header logo

Nicola Sansone è stato intervistato da Repubblica nella settimana pre Bologna-Lecce. I rossoblu sono la sua ex squadra.

Il ritorno al Dall'Ara

Ci ho passato quattro anni e mezzo, il Bologna è stato la squadra con cui ho giocato di più nella mia carriera: sarà certamente una grande emozione tornare in quella che è stata casa mia fino a pochissimo tempo fa.

I ricordi di Bologna

Sicuramente quei primi sei mesi in cui portammo a casa l’obiettivo salvezza, che quando arrivai a Casteldebole sembrava una chimera irraggiungibile: la partita indimenticabile rimane quella in casa con l’Empoli, era aprile del 2019, vincemmo 3-1, ribaltando l’iniziale svantaggio e facendo un passo decisivo verso la meta. Segnai il gol finale e feci pure un assist, fu davvero la giornata perfetta.

Nicola Sansone

La partita di domenica

Il Bologna è una squadra molto forte, ma non è certo una sorpresa: già l’anno scorso eravamo molto in crescita come gruppo, e quest’anno non è che la logica conseguenza. Ho già affrontato i miei ex compagni al Via del Mare, e posso confermare che sono una squadra tosta da giocarci contro. Ma ribadisco: i risultati di quest’anno sono tutto tranne che una sorpresa.

L'addio al Bologna

La società ha fatto delle scelte legittime, io ho sempre dato tutto per questi colori: posso garantire che non c’è alcun rimpianto, e nessuna polemica. Sono contento per quello che è stato. Ma adesso penso solo al Lecce.

In caso di gol esulterà?

Solo nel caso di una rete in rovesciata da fuori, ma allora mi applaudirebbe tutto lo stadio: scherzi a parte… no, non potrei mai. Sono legato al popolo bolognese ed ai miei ex compagni. Prima della partita li saluterò tutti, uno ad uno. Mai poi penserò solo al campo. È giusto così.

In diretta su Twitch a partire dalle 15:30. Come seguirci
"Non ci sono parole, chissà cosa si inventeranno Domenica...": la teoria del complotto al contrario