header logo

Chi è l’arbitro che ha guadagnato di più nella stagione di Serie A appena terminata? A questa domanda ha risposto Calcio & Finanza, con un approfondimento riguardante proprio i compensi dei direttori di gara.

Una premessa doverosa 

Innanzitutto, è necessario premettere che ogni arbitro della CAN A-B viene retribuito in base a una quota fissa e a una quota variabile. 

La parte fissa ha a che fare con i diritti d’immagine e aumenta a seconda degli anni di militanza; la parte variabile corrisponde al cosiddetto “gettone” di presenza, che varia tra la Serie A e la Serie B. In cima alla classifica di quest’anno troviamo Daniele Doveri, a quota 190,8 mila euro annuali, seguito a ruota da Maurizio Mariani e Marco Guida. Il primo con i suoi 188 mila euro, mentre il secondo con 184,5 mila euro. 

Nota a supporto: lo stipendio di un direttore di gara resta sempre superiore a quello di VAR e AVAR. Questo per due motivi principali. Il primo è che, nonostante l’introduzione della tecnologia, resta ferma la centralità dell’arbitro di campo. 

Il secondo riguarda l’esposizione mediatica di un direttore di gara, che è decisamente superiore rispetto agli altri componenti della sua squadra.

Signor Colombo

Stipendi arbitri italiani 2023 2024 

Fuori dalla top 10 troviamo anche big come Daniele Orsato (13° nella graduatoria con 153mila euro), oltre a Maria Sole Ferrieri Caputi (14ª con 144mila euro) e al neo internazionale Andrea Colombo (113mila euro che valgono la 18ª posizione). 

Il fischietto che ha avuto compensi più bassi, invece, è stato Giuseppe Collu, che si è fermato a 58.900 euro per la stagione 2023/24.

Le altre posizioni in classifica dopo la top 10:

  • 11) Federico La Penna: 165.300 euro;
  • 12) Gianluca Aureliano: 158.400 euro;
  • 13) Daniele Orsato: 153.000 euro;
  • 14) Maria Sole Ferrieri Caputi: 144.400 euro;
  • 15) Rosario Abisso: 137.700 euro;
  • 16) Gianluca Manganiello: 132.800 euro;
  • 17) Marco Piccinini: 131.200 euro;
  • 18) Andrea Colombo: 113.500 euro;
  • 19) Antonio Rapuano: 109.500 euro;
  • 20) Juan Luca Sacchi: 108.400 euro;
  • 21) Antonio Giua: 103.000 euro;
  • 22) Federico Dionisi: 102.200 euro;
  • 23) Matteo Marcenaro: 100.000 euro;
  • 24) Ermanno Feliciani: 97.900 euro;
  • 25) Matteo Marchetti: 94.900 euro;
  • 26) Alessandro Prontera: 92.200 euro;
  • 27) Giovanni Ayroldi: 89.300 euro;
  • 28) Livio Martinelli: 88.900 euro;
  • 29) Luca Massimi: 84.000 euro;
  • 30) Luca Zufferli: 83.200 euro;
  • 31) Francesco Fourneau: 81.400 euro;
  • 32) Alberto Santoro: 76.400 euro;
  • 33) Davide Ghersini: 75.900 euro;
  • 34) Francesco Cosso: 70.950 euro;
  • 35) Ivano Pezzuto: 70.900 euro;
  • 36) Davide Di Marco: 63.200 euro;
  • 37) Paride Tremolada: 60.100 euro;
  • 38) Giuseppe Collu: 58.900 euro.

 

🤯 Follia su Umtiti: “È un rottame inutile”
Un ex Lecce è il miglior attaccante dell'ultima Serie D