header logo

In una recente intervista della Gazzetta dello Sport, Massimo Coda si lascia scappare un retroscena curioso che riguarda la sua avventura con la maglia del Lecce. 

Intanto però si prende i complimenti per come ha cominciato il suo campionato, l'ennesimo, di serie B con la Cremonese:

“Facile? Mica tanto, ogni volta ti devi confermare, ripartire da zero. Non è scontato. Io ci riesco ed è un pregio. Mi piace essere considerato uno che fa la differenza, è una fiducia che fa da stimolo”.

Il giornalista gli chiede se sia forte lui o scarsi gli altri: 

“Tutti gli allenatori mi hanno detto che avrei potuto fare la A. Ma non è possibile che siano sempre scarsi gli altri…”.

Coda e Lucioni parlano assieme a Dermaku

Su questo tema anche Fabio Lucioni è d'accordo e sostiene che si sia accontentato troppo:

“Fino a 24 anni ho fatto la C, la testa è cambiata andando in Slovenia. Lì ho capito che potevo fare di più, ma fare la B così non è un ridimensionamento, anzi”.

Massimo Coda è stato capocannoniere del torneo di B due volte consecutive con la maglia del Lecce addosso:

Massimo Coda con il pallone tra le mani

“L’anno scorso l’ho sofferto, volevo fare 3 su 3, ma al Genoa è stato diverso. Di sicuro non è un’ansia, so gestire la situazione: non devo segnare per forza”.

In giallorosso Coda ha giocato 72 partite e messo a segno 44 reti che lo lanciano nella quinta posizione dei marcatori “all time” del Lecce a pari posizione con Giacomazzi, seppure siglati in categorie differenti. Ma c'è una curiosità che riguarda la permanenza di Coda in maglia giallorossa: a Lecce lo chiamavano "prosciuttone". E lui lo spiega così:

“Salvatore Lanna, il vice di Corini, mi faceva saltare e diceva: “alza sti prosciutti!” E Gabriel, il portiere, mi sfotteva… Molto meglio quando mi chiamavano “Hispanico”, da Benevento".

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"