header logo

Nicola Sansone, esterno d'attacco del Lecce in questa stagione ha vissuto alti e bassi. Ha giocato spesso, 22 partite in totale, ma tante volte è subentrato, cercando di dare una mano a partita in corso, con le difese stanche e le squadre sfilacciate.

Il gol è di Pierotti

Sabato è entrato nel momento decisivo del match. Ha giocato un po' da trequartista, all’occorrenza seconda punta, e poi da esterno. Il gol è arrivato grazie alla super giocata di Santiago Pierotti ed infatti l’ex Bologna ha parlato così ai microfoni di DAZN:

Vittoria molto importante, ci sono altre 6 partite e la prossima col Sassuolo è molto importante. Fare gol? Bellissima sensazione, anche se il gol è di Pierotti. Tra i gol più facili della mia carriera, ma bisogna farli anche quelli. Ci tenevo a fare una dedica a mia moglie ai miei bimbi.

Nicola Sansone

Duttilità ed esperienza al servizio della squadra 

Nicola Sansone rappresenta il giocatore più esperto all’interno del gruppo allenato da Luca Gotti, uno spogliatoio composto per lo più da ragazzi giovani, che vanno guidati ed instradati al sacrificio. 

L’ex Bologna è un leader, sia in campo che fuori dal rettangolo verde. Basti osservare il suo atteggiamento ogni volta che si trova in panchina: carica e indicazioni a tutti i suoi compagni che di lì a poco dovranno scendere in campo. 

A Reggio Emilia, nella sfida di domenica alle 12:30 contro il Sassuolo di Ballardini, potrebbe partire titolare. Almqvist non ci sarà causa squalifica e Banda non è al meglio della condizione e, qualora dovesse recuperare, potrebbe essere utilizzato a gara in corso. Ecco, quindi, che Sansone rappresenta una possibilità concreta per Luca Gotti. Dopo il gol, Nicola è in fiducia e con la sua esperienza e la sua duttilità può risultare ancora decisivo contro la sua ex squadra. Quando il gioco si fa duro, Sansone sa come ci si salva. 

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Da Dorgu a Sansone: il Lecce torna a vincere in casa con un gol tutto suo