header logo

Tuttofare ungherese non ha lasciato tanti ricordi nel Salento a causa dei pochi spezzoni di gara disputati nella stagione 2015/2016 con la maglia del Lecce

Il centrocampista classe '93 all'epoca era molto giovane e poco abituato ai ritmi frenetici del calcio italiano. Il club salentino, tra l'altro non poteva aspettare nessuno perché costretto a provare a vincere ogni anno il campionato di Serie C. Parliamo di Balint Vecsei.

Dopo l'esperienza italiana, Vecsei ha girovagato in lungo ed in largo, ritornando anche in patria e trovando la propria dimensione. 
 

Queste, nel 2015, furono le sue prime parole da giallorosso: “I tifosi? Lo stadio è da serie A, non sembra proprio di Lega Pro. Cosa mi manca dell’Ungheria? La mia famiglia, ma qui mi trovo bene. Ho visitato anche Gallipoli e Otranto, ma cibi tipici salentini non ne ho ancora assaggiati, seguo una dieta di sola carne e pesce. Mi piace giocare in avanti, ma sceglie il mister e io sono a disposizione. Cosa è cambiato da Asta a Braglia? Ora gioco, prima no (sorride, ndr). Tatticamente, comunque, mi trovo meglio con il nuovo allenatore. La Nazionale? Mi piacerebbe ritornare a giocarci perché in passato l’ho fatto, ma vado piano e spero che prima o poi tutto arrivi. Ora penso solo al Matera e a portare a casa il risultato pieno”.

Vecsei, ecco con chi ha firmato

Nelle scorse ore Vecsei ha firmato col Visse Kōbe, una società calcistica giapponese con sede nella città di Kōbe. Milita nella J1 League, la massima divisione del campionato giapponese. Per Vecsei inizia una nuova avventura calcistica ma anche una nuova esperienza di vita.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"