GUARDA LA LIVE TWITCH 💜

Offerta da
CURIOSITA'

Benassi-Rosati, la coppia ritorna a Firenze: ecco perchè

Scritto da Filippo Verri  | 

Novità in casa Fiorentina: secondo le ultime indiscrezioni, c'è il divorzio tra Angelo Porracchio, preparatore dei portieri già con Italiano al Trapani, e il club viola. 
La separazione sarebbe avvenuta per divergenze accumulate nei mesi scorsi sia con la società che con il tecnico stesso. 

La vicenda è in divenire e nel frattempo il posto di Porracchio è stato preso dal preparatore dei portieri della Primavera, Massimiliano Benassi
Al suo fianco ci sarà Antonio Rosati, che lo scorso agosto aveva annunciato il ritiro dal calcio giocato. L'ex numero 12 giallorosso è sulla carta ancora calciatore in quanto sotto contratto fino al termine della stagione, tuttavia già da diverse settimane lavora fuori dal terreno i gioco.

Assieme a Benassi riproporrà una coppia già vista negli anni salentini, quando sulla panchina del Lecce sedeva De Canio.
Rosati poche ore fa è stato intervistato dalla nostra redazione. Ecco un estratto delle sue parole:

PREPARATORE DEI PORTIERI
“Fa strano trovarsi dall'altra parte. È bello perchè volevo farlo. Ad oggi dò una mano perchè ufficiosamente sono ancora calciatore. Vorrei continuare con questa carriera".

LECCE-FIORENTINA
“È stata una buona partita, secondo me il primo tempo a favore del Lecce ed il secondo della Fiorentina, che meritava forse qualcosa di più. Un buon Lecce che potrà dire la sua perchè ha giocatori forti e giovani di valore. Spero possa raggiungere il suo obiettivo.
Una squadra come la Fiorentina si aspettava qualcosa in più quindi un po' di rammarico c'è soprattutto per il secondo tempo".

TIFO LECCESE
“Per me tornare a Lecce è un'emozione grandissima e chi mi conosce sa benissimo quanto tenga a questa città e a questi colori. Ho ricordi bellissimi e sono legatissimo, ho coltivato molte amicizie e rivede lo stato pieno è stato un vero piacere. Son contento che i tifosi siano vicino alla squadra e il loro aiuto è fondamentale per raggiungere l'obiettivo”.