header logo

Marco Baroni ha disputato 4 grandi stagioni negli ultimi 4 campionati vissuti da allenatore. Prima ha risollevato una Reggina in difficoltà, portandola quasi ai playoff di Serie B; poi ha permesso al Lecce di ottenere una promozione da record, con primo posto in classifica e miglior difesa del torneo; infine, ha conquistato due salvezze consecutive nella massima serie, prima con il Lecce ed in questa stagione con il Verona. Entrambe le annate sono state complicate per motivi differenti ma alla fine il risultato è stato lo stesso, con una permanenza in Serie A conquistata addirittura con un turno d’anticipo.

Ed adesso?

Qualche giorno fa Marco Baroni ha comunicato al club scaligero la sua volontà di andare via. Probabilmente, come accaduto lo scorso anno nel Salento, ha finito gli stimoli dopo una stagione lunga e difficile sotto vari aspetti. Adesso, il tecnico toscano ha l’imbarazzo della scelta e potrà decidere con calma del suo futuro, consapevole di essere parecchio appetibile nel mercato degli allenatori di Serie A.

Marco Baroni

Vuoi vedere che si gioca l’Europa…

Secondo quando riportato da Sky Sport, Marco Baroni è finito nel mirino della Lazio di Claudio Lotito. Il club biancoceleste non sembra intenzionato a confermare Igor Tudor ed il direttore sportivo Fabiani è alla ricerca di un profilo di livello per riportare la Lazio in alto in classifica. Quest’anno, in ogni caso, nonostante l’avvicendamento in panchina, la formazione biancoceleste ha conquistato il settimo posto in classifica e nella prossima stagione disputerà l’Europa League, partendo però dal preliminare. Per l’ex allenatore del Lecce questa rappresenterebbe l’occasione della sua carriera, anche perché non ha mai disputato nemmeno una partita in Europa da allenatore.

Baroni, tra l’altro, interessa anche a Cagliari, Monza ed Udinese. Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori aggiornamenti ma di certo il prossimo anno l’allenatore toscano sfiderà nuovamente il Lecce su una panchina della massima serie.

Il Lecce dei leccesi nella Serie A degli stranieri: un modello unico e vincente
Fabrizio Corona: "Dazn è fallita al 97% e non ne parla nessuno"