header logo

Mister Roberto D'Aversa è stato intervistato da DAZN a pochi giorni dalla partita con l'Empoli. L'allenatore del Lecce ha parlato del pareggio arrivato al Via del Mare contro il Bologna e ha risposto alle domande dello studio di Pierluigi Pardo.

L'importanza del pareggio col Bologna

Il pareggio vale molto non solo considerando la partita, ma anche dal punto di vista psicologico. Venivamo da due partite pesanti contro Milan e Roma. La partita col Bologna vale tanto non solo per la classifica. Roberto Piccoli si è ripreso quello che gli era stato tolto con i rossoneri.

Dopo il match c'era un bel clima nello spogliatoio perché venivamo da gare particolari, considerando anche Verona, dove siamo stati due volte in vantaggio. Sono situazioni che mentalmente ti possono distruggere, invece i ragazzi sono stati bravi a riprendersi.

Roberto D'Aversa

La forza della squadra

C'è un lavoro quotidiano con un gruppo dei ragazzi tra i più giovani del campionato. C'è soddisfazione da parte mia nel vedere la dedizione della squadra. Loro spingono e in campo si vede. Ogni tanto devo anche fermarli perché vorrebbero lavorare nonostante qualche acciacco.

Su Piccoli

Roberto ha avuto problematiche fisiche in carriera e non h potuto esprimere al massimo le sue potenzialità. A prescindere dal minutaggio della singola partita, mi auguro possa arrivare in doppia cifra, ha le capacità per farcela.

Su Baschirotto

Ci alleniamo sempre la mattina verso le 10:30. Io cerco di arrivare al campo poco prima delle 8:00 e lo trovo già al campo a lavorare.

L'obiettivo stagionale

Sarei felice se dovessimo centrarlo valorizzando qualche giovane. Oggi sono promesse, ma domani possono diventare giocatori affermati. Ci sono qualità, l'area mercato è stata brava a pescare giocatori sconosciuti. L'obiettivo di ogni calciatore è arrivare in un top club.

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita