POST E STORIES

Da Falcone a Blin, passando per Askildsen, Baschirotto e Strefezza: tutti carichi dopo Roma

Scritto da Andrea Sperti  | 

Il Lecce di Marco Baroni l’altro ieri ha subito una sconfitta difficile da digerire contro la Roma di Josè Mourinho allo stadio Olimpico. I giallorossi hanno sbagliato l’approccio al match ma quando stavano prendendo metri e coraggio sono stati danneggiati da un’espulsione molto generosa comminata dell’arbitro Prontera nei confronti di capitan Morten Hjulmand.

Ieri la dirigenza si è fatta sentire, attraverso i messaggi social di Sticchi Damiani, Alessandro Adamo e Corrado Liguori e le parole di Pantaleo Corvino in conferenza stampa.

Anche i calciatori, però, hanno voluto trasmettere il loro disappunto riguardo le decisioni arbitrali ed allo stesso tempo caricare l’ambiente in vista dell’importante sfida di lunedì prossimo contro la Fiorentina di Vincenzo Italiano.

Wladimiro Falcone, portiere giallorosso che anche a Roma si è superato con interventi fantastici, ha scritto su Instagram: “Grinta e Cuore, contro tutto e tutti. Forza Lecce”.

Gabriel Strefezza e Alexis Blin si sono affidati al classico “Mollare mai”, che rappresenta anche il modo di giocare sia del francese che del brasiliano, autentici leader del gruppo giallorosso. 

Federico Baschirotto, altro giocatore fondamentale nello scacchiere tattico di Baroni ed all’interno dello spogliatoio, ha commentato pubblicando una foto con la scritta: “Avanti per la nostra strada”.

Infine, Kristoffer Askildsen, centrocampista classe 2001 uscito malconcio dalla sfida di ieri dopo una brutta botta con Pellegrini, ha utilizzato queste parole per descrivere l’atteggiamento dei suoi compagni di squadra in quel di Roma: “Orgoglioso di far parte di questa grande squadra, guardiamo avanti”.

Insomma, il gruppo è arrabbiato ma anche determinato a cancellare subito la brutta parentesi di Roma per concentrarsi nuovamente sui prossimi difficili impegni di campionato. Queste ingiustizie devono far crescere questo giovane gruppo, che dovrà abituarsi a lottare contro tutto e tutti per conquistare la salvezza nella massima serie italiana.