header logo

Medon Berisha, capitano dell'Albania U21, trascinatore assoluto in patria. Il centrocampista del Lecce è sceso in campo dal primo minuto in entrambe le gare valide per le qualificazioni agli Europei U21 e la sua selezione ha ottenuto bottino pieno, battendo prima l'Armenia e poi la Romania.

Alle 18:30 è andato in scena il match tra Albania e Romania U21, in cui si sono incrociati diversi giallorossi. Sono partiti dal primo minuto Medon Berisha e Catalin Vulturar, mentre è subentrato Rares Burnete. Convocati, ma non chiamati in causa, Alexandru Borbei e Razvan Pascalau.

Partita pirotecnica vinta in rimonta dall'Albania, che al minuto 62 perdeva 0-2 in seguito alle reti di Grameni e Borza. Poi, è partita la rimonta. I padroni di casa hanno accorciato con una grande rete di Cristian Shpendi, servito sulla trequarti proprio da Berisha.

Successivamente, il centrocampista classe 2003 di proprietà del Lecce, con una magia ha riportato la gara in parità. Un tiro potentissimo da 25 metri, finito all'incrocio dei pali. Non una novità per il trequartista albanese, che agli ordini di Vito Grieco segnò persino da centrocampo contro il Pescara.

Infine, all'88esimo, il gol del vantaggio finale siglato da Pajaziti, che ha fatto esplodere di gioia l'Albania U21.

Berisha cerca spazio in Prima Squadra (non è più in età Primavera) e intanto dà spettacolo in patria. A fine agosto, il Lecce ha rifiutato una proposta del Lecco: la volontà dei salentini è quella di far crescere in casa il proprio talento per inserirlo gradualmente.

Berisha potrebbe trovare più spazio a gennaio, quando Rafia andrà in Coppa d'Africa. Intanto, la sua giocata odierna conferma il grande valore del calciatore comprato nel gennaio del 2022 dallo Young Boys. Dopo le 10 reti siglate nello scorso campionato Primavera 1, il classe 2003 albanese continua a stupire.

Lecce-Napoli, dove vedere la partita in tv e in streaming: gli orari e le probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"