Lecce-Babacar: ci pensa SSD. Il presidente ieri a Milano per convincere tutti

Nelle ultime ore la pista Lecce-Babacar stava rischiando seriamente di prendere una brutta piega. Il ragazzo era attratto da un’esperienza all’estero e tentennava con i giallorossi, il Sassuolo voleva cedere il suo cartellino solo a titolo definitivo.

1. LA SVOLTA

Con questi punti non positivi, ieri sera è sbarcato a Milano il presidente del Lecce Saverio Sticchi Damiani che ha voluto intervenire personalmente sul ragazzo e sulla trattativa. Da quello che filtra, il numero uno dei giallorossi è riuscito a convincere Babacar ad accettare il progetto del club salentino ed al tempo stesso ha trattato nuovamente con l’a.d. del Sassuolo Giovanni Carnevali per trovare una soluzione favorevole ad entrambi i club.

2. FUMATA BIANCA

La trattativa è stata non semplice e faticosa tra le parti. Babacar costerà fin dal subito al Lecce 2 milioni di euro per il prestito e con riscatto fissato a 5 milioni di euro in caso di permanenza in Serie A. Saverio Sticchi Damiani, per convincere il Sassuolo in maniera definitiva, ha garantito che tutto l’importante ingaggio dell’attaccante sarà a carico delle casse dell’US Lecce. Con questa formula il presidente dei giallorossi ieri sera ha spazzato via i dubbi di Babacar e Sassuolo ed allontanato via le proposte interessanti provenienti da Spagna ed Inghilterra ed in Italia dell’Hellas Verona.