header logo

Mirko Vucinic e Javier Chevanton sono stati ospiti di Panini nella tappa leccese del tour. I due ex calciatori del Lecce hanno commentato diversi momenti della propria carriera, a suon di figurine.

Vucinic e Chevanton nel Lecce

Vucinic: “Una città che mi ha dato amore calcisticamente e poi nella vita. Abito qui con i miei figli e sono legato molto a Lecce. Il primo amore non si scorda: ho giocato in diverse squadre in Italia ma quella che mi è rimasta più a cuore è Lecce”.

Chevanton: “Per me uguale. Ho avuto la fortuna di giocare con grandi calciatori qui a Lecce, come lo stesso Vucinic. È stato un onore. Ho avuto la fortuna di giocare in tante squadre, ma la maglia del Lecce non l'ho mai tolta. Oggi ho la fortuna di lavorare nella società e non cambierei questo per nulla”.

Vucinic nella Roma

Vucinic: “Bei ricordi chiaramente. Abbiamo sfiorato due volte lo Scudetto, bisogna comunque dare merito all'Inter”.

Chevanton nel Monaco

Chevanton: “Nel 2006 giocai anche con Vieri. Poi anche con Marco Di Vaio. Sono persone straordinarie. Andai al Monaco perché volevo fare la Champions e provare un campionato diverso. Dopo 3 anni potevo provare qualcosa di nuovo e non affrontare il Lecce: sarebbe stato dura".

Javier Chevanton

Vucinic nella Juventus

Vucinic: “Emozioni grandi, il mio primo Scudetto vinto in Italia. Euforia per il nuovo stadio e successi continui. Bellissimi ricordi in quei tre anni. Conte ci faceva tanto lavorare, però alla fine i risultati hanno pagato”.

Chevanton nel Siviglia

Chevanton: “Ho giocato in una Liga molto competitiva con una squadra che mi ha permesso di vincere i miei primi trofei internazionali. Ho un bellissimo ricordo. Ho avuto la fortuna di giocare con Dani Alves, uno dei più forti non solo in partita. Ogni singolo allenamento era intenso”.

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Nigro: "A Bologna umore alle stelle. Lecce squadra che non muore mai"