header logo

Settimo posto in classifica. I tifosi giallorossi, quando qualcuno parlerà della loro passione, potranno fare valere questo risultato in una graduatoria che rende merito a chi viaggia per amore della maglia.

La classifica dei tifosi in trasferta

Il popolo salentino nella scorsa stagione ha sottoscritto circa 21000 abbonamenti, rinnovando la fiducia al club di Saverio Sticchi Damiani dopo la salvezza ottenuta nel campionato precedente. Numeri pazzeschi, che rappresentano un record assoluto per questa piazza, un territorio che vive di calcio da sempre ma che mai prima ad ora si era affidato e fidato così tanto di una società.

Questa passione, questo trasporto, questo amore incondizionato si rileva e percepisce anche fuori casa ed ecco il settimo posto del quale vi parlavamo ad inizio articolo. Dopo Juventus, Roma, Inter, Milan, Napoli e Genoa sono i tifosi giallorossi i più presenti in trasferta dell’intera Serie A. La media è di 1558 supporter a partita, un numero incredibile che purtroppo è viziato anche da qualche trasferta in cui è stato vietato l’ingresso di salentini residenti in Puglia. Questo, quindi, ha contribuito a far calare un numero comunque pazzesco, che i tifosi giallorossi possono portare in giro per l’Italia con vanto ed orgoglio.

Tifosi del Lecce a San Siro

In trasferta sempre più lontano

I tifosi del Lecce, poi, sono quelli che hanno percorso in media più chilometri per raggiungere la loro squadra in trasferta. 904 chilometri per tifare Lecce in tutti i settori ospiti dello stivale, portando amore e calore ai calciatori in campo. 

Nelle 16 trasferte senza restrizioni, il popolo salentino ha dovuto macinare parecchia strada pur di essere presente ed il prossimo anno sarà anche peggio dato che le due avversarie più vicine, ossia Frosinone e Salernitana, sono retrocesse in Serie B. 

Napoli, Roma e poi tantissimo Nord 

La trasferta più vicina il prossimo anno sarà quella di Napoli, anche se in questa stagione è stata soggetta a restrizioni che non hanno permesso ai tifosi del Lecce di partecipare in massa all’ultima giornata di campionato. Poi Roma e tantissimo Nord, da est ed ovest, dal Piemonte al Veneto, passando per Emilia Romagna e Lombardia. Insomma, la Serie A pare esser diventato affare soltanto del settentrione ma il Lecce è un “intruso” che ha ancora tanta voglia di stupire. 

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Sinner supera Moutet: "La battuta corta? Chiedete a lui se provocava"