header logo

Inauguriamo questa rubrica con tre momenti della partita di Lecce-Sassuolo che hanno fortemente caratterizzato il match. Si tratta di episodi o istantanee che ci hanno colpito particolarmente. 

Lasciate che i bambini vengano a me: Krstovic

Krstovic abbraccia i bambini all'ingresso del match
Krstovic abbraccia i bambini all'ingresso del match

Speriamo di non risultare blasfemi, comunque non vorremmo esserlo, ma il paragone ci sta tutto. Intanto perché ormai a Lecce è Kristo-vic per tutti quanti, e poi perchè effettivamente così è successo. 

Lo sapete tutti, all'ingresso delle due squadre in campo, i bambini sono vestiti con la tenuta della squadra di casa e della squadra ospite e accompagnano in maniera alternata (bambini vestiti con la squadra in trasferta accompagnano i giocatori casalinghi e viceversa) i calciatori delle due squadre. I bambini che accompagnavano l'ingresso dei giallorossi, ad un certo punto, poco prima dello schieramento in mezzo al campo, hanno lasciato le proprie posizioni e sono andati ad abbracciare, letteralmente, il calciatore montenegrino che ha ricambiato con sorpresa ma altrettanto affetto l'abbraccio. 

Krstovic abbraccia i bambini all'ingresso del match
Krstovic abbraccia i bambini all'ingresso del match

Il litigio tra le panchine di Lecce e Sassuolo

C'è stato un battibecco tra le due panchine sin dai primi minuti di gioco, ma comunque subito dopo l'episodio dubbio del calcio di rigore assegnato al Sassuolo. A spiegarlo, in maniera impeccabile, è stato Dionisi, l'allenatore del Sassuolo: 

"Cerco di essere equilibrato poi la partita porta a innervosirti, c'è stato un battibecco perché non si sono capiti fra panchine, la mia panchina parlava col quarto uomo e la panchina del Lecce pensava che ce l'avessero con loro. Siamo tra le squadre meno fallose del campionato, non ci possono far passare per quelli che menano".

Insomma un misunderstanding che però è durato fino alla fine del primo tempo, quando le due squadre entrando negli spogliatoi sono venute a contatto. Qualcuno ha cercato persino di cominciare una rissa, e tra i più infervorati c'era l'allenatore in seconda di Dionisi, Paolo Cozzi.

Paolo Cozzi rientra negli spogliatoi vistosamente alterato
Paolo Cozzi rientra negli spogliatoi vistosamente alterato

Qualcuno del Lecce sembrava averle “promesse” e ha invitato gli avversari a far in fretta e scendere negli spogliatoi. Insomma, alla fine è finita bene: Dionisi a fine partita si è rivolto immediatamente dalle parti di D'Aversa, si è avvicinato facendo il segno della calma all'allenatore del Lecce che ha accettato la tregua avvicinandosi e abbracciandolo. I due hanno proseguito la camminata verso il centrocampo dimostrando ai loro ragazzi che le ostilità erano finite. Abbassate le armi!

Gallo super! Ecco come ha annichilito Berardi

Antonino Gallo affronta Berardi
Gallo in azione contro Berardi

Spesso sottovalutato, ma Antonino Gallo continua a stupire. Ieri prestazione maiuscola del difensore palermitano che ha letteralmente disinnescato Berardi. Corsa, dribbling, cross e punto di riferimento per Strefezza che ieri ha brillato anche grazie al suo apporto significativo. 

Alla fine standing ovation da parte del Via del Mare e, soprattutto, i sinceri complimenti di Berardi che al momento della sostituzione con Dorgu gli si è avvicinato e gli ha detto “Bravo!”. 

Lecce Primavera, ecco la prima di Sangiorgio. Le parole di Coppitelli
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"