header logo

Avrebbe dovuto rappresentare il colpo di mercato dell’attacco giallorosso nella stagione 2019/2020, la classica ciliegina su una torta al gusto di salvezza. Invece, quella di Khouma El Babacar con il Lecce è stata un’avventura piena di alti e bassi, con tanti momenti negativi e pochi da ricordare veramente.

Prima del Lecce

Prima di arrivare a vestire la maglia giallorossa, l’attaccante classe ’93 aveva lasciato il segno in Serie A, con Fiorentina e Sassuolo, ed in Serie B, con il Modena e Padova. 

Aveva segnato abbastanza ma non sempre era riuscito a trovare continuità di rendimento e minutaggio adeguato. Per questo, quindi, ad un certo punto della sua carriera, a 27 anni e nel pieno della sua maturità calcistica, ha deciso di trasferirsi in prestito nel Salento, nella speranza che questa terra potesse permettergli di esplodere.

Khouma El Babacar

L’avventura con il Lecce

3 gol in 25 presenze e la retrocessione del club salentino. Vedendola attraverso questi dati, non possiamo di certo dire che si sia trattata di un’avventura positiva. Sicuramente Babacar avrebbe dovuto e potuto fare di più in zona gol, garantendo maggiore peso nell’attacco della formazione allenata da Liverani.

Il centravanti ha sbagliato anche due rigori – uno poi ribadito in rete sulla respinta di Donnarumma contro il Milan ed uno parecchio discusso calciato alto contro la Lazio – e non è mai riuscito a mostrare davvero il suo valore.

A fine anno è andato via, anche perché per il Lecce sarebbe stato certamente insostenibile riscattare il suo cartellino in Serie B.

Dopo il Lecce

Alanyaspor in Turchia e Copenaghen in Danimarca, con in mezzo diversi infortuni e parecchi stop a causa di problemi fisici. Nell’ultima stagione è stato fermo praticamente sempre, scendendo in campo solo in maniera sporadica.

A 31 anni ha ancora la possibilità di sfruttare un’occasione, magari tornando in Italia pure in cadetteria. Babacar aveva qualità e fisico per diventare un attaccante da doppia cifra nella massima serie italiana ma non sempre ha compiuto scelte giuste per il suo futuro. 

locandina open day
locandina open day
Il Lecce di Luca Gotti: la possibile formazione da sogno aspettando il mercato
Euro 2024: Rosetti spedisce a casa arbitro Italia-Croazia. C'è anche un'italiano

💬 Commenti (1)