IL MATCH

Monza-Lecce non sarà solo una partita di calcio

Scritto da Andrea Sperti  | 

Monza-Lecce non sarà solo una partita di calcio. No, non vogliamo parlarvi del romanticismo che si cela dietro al nostro essere tifosi giallorossi, perché checchesenedica anche noi amiamo questa squadra e questi colori.

Monza-Lecce contrappone due diversi modi di vedere il calcio e forse anche un po’ la vita. I brianzoli hanno alle spalle la forza economica di Silvio Berlusconi e la competenza e le conoscenze calcistiche di Adriano Galliani, due che hanno scritto pagine indimenticabili della storia del Milan. A giugno, a promozione acquisita, hanno iniziato ad ingaggiare calciatori dal curriculum importante, che poco hanno a che fare con il campionato cadetto. Poi, a torneo iniziato, hanno convinto ad aggregarsi al gruppo biancorosso anche Mario Balotelli, un altro campione che in Serie B può fare davvero la differenza. Infine, a gennaio, come se non bastasse, il Monza ha investito altro denaro sonante per andare ad acquistare Davide Diaw, attaccante in quel momento capocannoniere del campionato insieme a Coda e Mancuso.

Il Lecce, dal canto suo, ha improntato questa stagione in modo differente. Ha cercato di trattenere qualche big della rosa e puntato su settore giovanile e ragazzi interessanti, ma tutti da scoprire, per la prima squadra. Bjorkengren, Hjulmand e Pablo Rodriguez sono tutti frutti della gestione Corvino, giovani che vanno lasciati sbagliare, crescere e maturare. Anche la Primavera, seppur con parecchi sotto quota, si sta togliendo diverse soddisfazioni e punta al passaggio nel campionato Primavera 1, un palcoscenico differente e maggiormente competitivo.

LEGGI ANCHE: Chi giocherà domani in attacco al fianco di Coda? Corini svela le sue idee

Il Monza non ha mai preso parte al campionato di Serie A, mentre il Lecce negli ultimi 30 anni, proprio dopo la prima storica promozione ottenuta sul campo dei brianzoli, si è reso protagonista di alcune grandi stagioni nella massima serie e lo scorso anno è sceso beffardamente all’ultima giornata. I biancorossi non hanno, quindi, una tradizione nel massimo campionato, al contrario del Lecce, abituato ormai a scontrarsi con le big del calcio italiano.

Insomma, se da una parte il potere economico la fa da padrone, sebbene anche a Monza possano vantare giovani dalle belle speranze, dall’altra parte i salentini, nonostante le possibilità economiche differenti, sono lì, ancora avanti di 3 punti prima dello scontro diretto.

Monza-Lecce non sarà solo una partita di calcio ed anche se lo fosse, racchiuderebbe comunque due idee diverse del gioco più bello del mondo. Vincere a tutti i costi o provare a rendere sostenibile questo calcio, quale sarà la ricetta vincente? 

LEGGI ANCHE: Cos'hanno in comune il Lecce ed i Coldplay? Oggi Corini ha provato a spiegarlo


💬 Commenti