header logo

La polizia sequestra oltre 900 grammi di sostanze stupefacenti tra cocaina, hashish e marijuana

La sezione antidroga della squadra mobile di Lecce ha effettuato due operazioni antidroga in provincia di Lecce, arrestando due uomini trovati in possesso di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti.

Il primo arresto è avvenuto a Squinzano, dove gli agenti hanno fermato un camioncino parcheggiato nel piazzale di un supermercato. Il conducente, un uomo di 42 anni residente a Squinzano, si è mostrato nervoso alla vista della polizia, suscitando i sospetti degli operatori. Nel corso della perquisizione del mezzo, sotto il sedile del guidatore sono stati scoperti oltre 160 grammi di cocaina e hashish, suddivisi in dosi pronte per lo spaccio.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire altri 750 grammi di droga, tra cocaina, hashish e marijuana, oltre a materiale per il confezionamento delle singole dosi. L’uomo è stato dichiarato in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo.

Il secondo arresto è avvenuto a Copertino, dove gli agenti hanno bloccato un’auto condotta da un uomo di 38 anni, già noto alle forze dell’ordine. Nell’abitacolo sono state trovate alcune dosi di hashish e marijuana, mentre nella sua abitazione sono stati sequestrati altri 50 grammi delle stesse sostanze. Anche in questo caso l’uomo è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari.

L’arrestato di Copertino risulta essere uno dei quasi cinquanta indagati nell’operazione “Filo d’Arianna 2”, inchiesta della Dda di Lecce sulla ricostituzione del clan Politi di Monteroni di Lecce, discendente dal gruppo storico dei Tornese. A luglio scorso sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari e si attende la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura.

Passa il Bitonto: un'altra sconfitta per il Gallipoli
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"