header logo

Luca Gotti ha parlato di Joan Gonzalez nella conferenza stampa prepartita. Ha elogiato le sue qualità tecniche e definito il suo ruolo, dicendo che quelle caratteristiche avrebbero potuto tornare utili contro il Milan.

Due occasioni per lui

Al terzo minuto di gioco il centrocampista spagnolo ha sfiorato il gol con un tiro che si è perso di poco a lato dalla porta difesa da Maignan. Uno squillo, il primo, che ha stappato la partita e permesso all’ex centrocampista del Barcellona di prendere confidenza con la gara e l’atmosfera.

Poi, dopo gli attacchi continui dei rossoneri ed i due gol siglati da Pulisic e Giroud, Gonzalez si è reso di nuovo pericoloso, con un colpo di testa che aveva battuto Maignan ma che si è stampato sulla traversa. Peccato.

Joan Gonzalez e Frattesi

La sua posizione

Gonzalez ad un certo punto si è ritrovato sulla stessa linea di Nikola Krstovic, per legare il gioco ed unire i reparti in fase di possesso pallo. Quando la palla era degli avversari, invece, ha cercato di ripiegare, portando pressione sul doppio regista rossonero per poi provare a svariare su tutto il fronte una volta riconquistata la sfera.

Una partita intelligente tatticamente, con qualche sbavatura dal punto di vista tecnico ma disputata con grande impegno e voglia di fare bene. 

La sua qualità e la sua corso possono tornare molto utili a questo Lecce. Gonzalez, tra l’altro, è un giocatore duttile, abile nel giocare in più ruoli del centrocampo ed anche a supporto della punta. Lo spagnolo è giovane ma ha già un po' di esperienza per vivere con la giusta intensità questo finale di stagione. Gotti ha dimostrato di puntare su di lui ed ora il classe 2002 dovrà ripagare la fiducia del suo allenatore con prestazioni all'altezza e magari qualche gol. Per conquistare la salvezza c’è davvero bisogno di tutti. 

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Banda: "Sto meglio, lavoro per esserci sabato. Sono sicuro che ci salveremo"