header logo

Guardare oggi la classifica di questo avvio di campionato fa davvero un bell’effetto. Verrebbe quasi da fermare il tempo il più a lungo possibile per continuare ad ammirare i giallorossi occupare questa piacevole posizione. Probabilmente mai ci saremmo aspettati un inizio così brillante, a tratti sorprendente. I ragazzi di D’Aversa meritano i complimenti per il lavoro svolto fino a ora, dimostrando di essere un gruppo collaudato, consapevole del proprio potenziale, capace di reagire, di non slegarsi, mantenendo ben salde le proprie convinzioni e giocando un buon calcio.

Il quarto posto dei salentini è stretto a tutti, dovesse finire la stagione sarebbe storia per un popolo abituato a soffrire e trattenere il fiato fino all’ultima giornata per festeggiare una salvezza come la vittoria dello Scudetto.

In fondo sognare non costa nulla. Quanto fascinoso sarebbe poter sentir suonare, al Via del Mare, le note della Champions League, ospitare i più grandi campioni del calcio internazionale, respirando l’aria delle grandi occasioni.

Chi lo sa, noi ce lo auguriamo, un giorno, in futuro. Ma di certo quel giorno non sarà nell’immediato, non sarà quest’anno. Ѐ bello scherzarci su, fantasticare un po’ ma sono solo 7 punti in tre partite. Piedi per terra.

Il suo Lecce è in zona Champions in Serie A con sette punti in tre gare

Roberto D'Aversa, tecnico del Lecce terzo in classifica, si è concesso ai microfoni di Sportmediaset per parlare dell'argomento: “Il Lecce vuole arrivare all'obiettivo prefissato a inizio campionato. Visto il calendario sembrava impossibile fare sette punti. I ragazzi sono stati bravi, hanno superato le aspettative, ma hanno anche meritato i punti che hanno”.

Lecce-Napoli, dove vedere la partita in tv e in streaming: gli orari e le probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"