header logo

Lecce e Genoa scendono in campo per la quinta giornata del campionato di Serie A, stagione 2023-2024. I giallorossi scendono in campo con il solito 433. In porta c’è Falcone; in difesa Gendrey, Touba, Pongracic e Gallo; a centrocampo Kaba, Ramadani e Rafia; in avanti Almqvist, Krstovic e Strefezza.

Lecce-Genoa, la cronaca del primo tempo

La partita nei primi 10 minuti non è divertente: le due squadre si studiano e nessuna delle due riesce a prevalere sull’altra. Il Genoa, in ogni caso, paga la troppa aggressività con due ammonizioni: una a De Winter e l’altra a Martin. 

Al minuto 21 Krstovic ha sulla testa la palla del vantaggio ma sbaglia la misura del colpo e spreca tutto. Nell’occasione il cross di Gallo era stato perfetto. Un minuto più tardi ancora Krstovic, questa volta di piede, ma la palla non ne vuole sapere di entrare e sibila il palo alla sinistra del portiere avversario. 

Dall’altra parte gli ospiti si rendono pericolosi con Gudmundsson ma Touba è attento a respingere la conclusione del classe ’97. 

Al minuto 35 la partita cambia: Martin commette un fallo ingenuo e Rapuano non può far altro che tirare fuori il secondo giallo ed espellerlo. Sugli sviluppi del calcio di punizione ancora Krstovic di testa ma la palla finisce sull’esterno della rete. Dopo 1 minuto di recupero, il direttore di gara decreta la fine della prima frazione di gioco. 

Lecce-Genoa, la cronaca del secondo tempo

Gilardino durante l’intervallo sostituisce De Winter con Vasquez: l’ex Empoli era ammonito ed il suo allenatore non ha voluto rischiare. 

Al minuto 2 della ripresa Krstovic inventa e Rafia rifinisce, ma l’ex Juventus spara alto da ottima posizione. 5 minuti più tardi è Almqvist a sfiorare la marcatura: anche questa volta la palla esce a lato di poco. 

Al quarto d’ora della ripresa il direttore di gara ammonisce Almqvist per un fallo a centrocampo. Nell’occasione entrano in campo Oudin e Dorgu per Rafia e Gallo. 

Ancora Krstovic ma oggi non pare giornata. Il montenegrino ci prova direttamente con una spettacolare rovesciata ma il pallone esce fuori di un soffio. 

Il Lecce prova a sfondare in tutti i modi ma il Genoa si difende in modo organizzato e riparte con pericolosità ogni volta che ne ha l’occasione. A 10 minuti D’Aversa le prova tutte, inserendo Piccoli e Sansone al posto di Strefezza e Kaba. 

Al minuto 39 ci pensa Remi Oudin a far esplodere il Via Del Mare con una perla di rara bellezza che si infila alle spalle dell’incolpevole estremo difensore avversario. D’Aversa corre subito ai ripari e inserisce Blin per Krstovic. 

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"