SIAMO LIVE! 👇🏻 ISCRIVITI AL CANALE TWITCH 💜 E ABBONATI CON PRIME: É GRATIS!

Offerta da
LA CRONACA

Il Bentegodi si conferma stregato: il Lecce perde 2 a 0

Scritto da Andrea Sperti  | 

Verona e Lecce si affrontano per l’ultima giornata del girone d’andata di Serie A. I giallorossi scendono in campo con il consueto 4-3-3. In porta c’è Falcone; in difesa Gendrey, Baschirotto, Umtiti e Gallo; a centrocampo Blin, Hjulmand e Gonzalez; in avanti Strefezza, Colombo e Di Francesco. 

La prima conclusione del match porta la firma di Colombo. L’attaccante scuola Milan calcia ma non inquadra lo specchio. Dall’altra parte Lazovic ha una grande occasione ma opta per un pallonetto debole, che Falcone controlla agevolmente. 

La partita è bloccata. I giallorossi arrivano con facilità al limite dell’area di rigore avversaria ma non riescono a sfondare grazie anche alle attente chiusure dei difensori avversari. 

Alla mezzora grande occasione per il Lecce: Blin si trova tutto solo davanti a Montipò ma si lascia ipnotizzare dal numero uno avversario. Due minuti più tardi Colombo costruisce una grande occasione ma Montipò è lesto e blocca. 

Al minuto '40 il Verona passa in vantaggio con un colpo di testa di Depaoli, completamente da solo al centro dell’area. La ripresa termina dopo due minuti di recupero. 

All’intervallo Pezzella subentra a Gallo. I padroni di casa dopo 5 minuti di gioco colpiscono una traversa clamorosa con Ilic. Sulla stessa azione Lazovic trova la rete del 2 a 0 con un colpo da biliardo che spiazza Falcone. 

Al minuto 63 Colombo e Gonzalez lasciano il posto a Banda e Maleh. A 20 minuti dalla fine Umtiti è costretto al cambio: il francese lascia il campo dolorante per un problema alla spalla. Al suo posto entra Tuia. 

Persson, invece, entra al posto di Strefezza. I padroni di casa addormentano la partita e questa scivola via senza ulteriori sussulti. Dopo 6 giornate il Lecce torna a perdere e lo fa in uno scontro diretto. Adesso, in vista di venerdì, bisogna recuperare le energie e sperare che per Umtiti non si tratti di nulla di grave.