header logo

Vittorio Botrugno, allenatore del Taurisano e del CUS Lecce (squadra dell'Università del Salento, per tre volte consecutive campione d'Italia nei campionati studenteschi), è stato ospite nel corso dell'ultima puntata di PL Talk in onda su Twitch. Queste le sue dichiarazioni: 

Sull'ultima partita del Lecce

Baschirotto Lucca Udinese

Era lampante che non fosse il solito Lecce ma dopo il raggiungimento della salvezza ci può stare. E' difficile dopo giorni di festeggiamenti avere la stessa concentrazione per affrontare una partita di Serie A e penso che sia fisiologico un calo psico-fisico. L'Udinese aveva molte più motivazioni.

Sugli orari delle partite

Le ultime partite, soprattutto quelle decisive, andrebbero giocate in concomitanza perché, così facendo, tutti starebbero sulle spine ma purtroppo il potere delle televisioni è troppo grande, influendo sulla decisione finale degli orari.

Sul prossimo avversario 

Contro l'Atalanta mi aspetto sicuramente una partita diversa e sono convinto che anche i giocatori stessi vorranno dimostrare che l'ultimo sia stato solo un episodio, dovuto all'euforia del conseguimento dell'obiettivo. Ovviamente non sarà semplice perché loro sono una grande squadra ma lo stadio farà la sua parte per sostenere i suoi ragazzi, come sempre fatto nel corso di tutta la stagione.

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Sticchi Damiani: "La salvezza per il Lecce non rappresenta un punto d'arrivo"