header logo

La quattordicesima giornata di Serie A si è chiusa ieri sera con la sfida tra Torino ed Atalanta, due squadre che giocano un calcio simile, con Juric, allenatore dei granata, allievo di Gasperini, tecnico degli orobici.

La rotonda vittoria ottenuta dai padroni di casa per 3 a 0 ha rilanciato le loro ambizioni europee. Il Torino, infatti, ha scavalcato in un colpo solo Monza e Frosinone, allontanandosi di 3 lunghezze dal Lecce, che lo avevo raggiunto dopo il pareggio casalingo ottenuto contro il Bologna.

Chi rischia per ora? 

Ecco, dopo 14 giornate siamo ormai a più di un terzo dall’inizio del campionato e possiamo iniziare a tracciare un primo bilancio, cercando di capire quali sono in effetti le squadre che lotteranno con il Lecce per ottenere la salvezza

Crediamo, quindi, che dal Monza in giù, appollaiato in undicesima posizione a 18 punti come il Frosinone, nessuno possa sentirsi davvero al sicuro. Alla fine del girone d’andata mancano 5 partite e si giocheranno tutte in fila, una alla settimana. In questo filotto di gara ci saranno diversi scontri diretti e questi potranno sconvolgere ulteriormente la situazione, dato che tutte le squadre sono a pochi punti di distanza l’una dall’altra.

Tifosi dell'Empoli

Il prossimo turno

Già a partire dal prossimo turno, ad esempio, oltre a Empoli-Lecce, gara fondamentale per le sorti della compagine giallorossa, ci saranno anche Monza-Genoa e Cagliari-Sassuolo, scontri diretti versi e propri che possono rilanciare chi vince ed affossare chi invece esce con le ossa rotte da queste sfide. 

Il Verona di Baroni, dal canto suo, se la dovrà vedere con l’incostante Lazio di Sarri, mentre la Salernitana affronterà all’Arechi un arrabbiato Bologna. Infine, il Frosinone, prima di arrivare a Lecce per giocare al Via Del Mare, sfiderà il Torino di Juric, una squadra che pare essersi ritrovata.

I giallorossi di D’Aversa, in ogni caso, dovranno pensare solo alla loro partita. Vincere ad Empoli aprirebbe scenari parecchio interessanti. 

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita