header logo
Live Reaction Event con Pianetalecce al Pipa
Live Reaction Event con Pianetalecce al Pipa

Pantaleo Corvino ha parlato in esclusiva ai microfoni di PianetaLecce, durante la trasmissione PL Talk su Twitch (CLICCA QUI PER IL VIDEO COMPLETO).

20 punti in 20 partite a gennaio, 27 in 26 a marzo.
"I numeri sono importanti. Neppure i più ottimisti potevano pensare a 27 punti in 26 gare, da matricola. La nostra era un'impresa ardua, con una politica fondata su giovani e patrimonializzazione. Credo che questa è stata e sia tutt'ora un'impresa ardua, la seconda dopo aver vinto la B.
La Serie A è un animale, alle volte cattivo, ti porta a periodi di astinenza; questi capitano a tutti, anche a club importanti, elencandoveli sono più convincente.

Il Verona ha fatto 10 sconfitte consecutive, non parlo neppure di Sampdoria e Cremonese. Vi cito, parlando sempre di risultati consecutivi, lo Spezia, con una striscia di 6 sconfitte e 1 pareggio. La Salernitana con 5 sconfitte e 1 pareggio. Il Sassuolo 6 sconfitte e 2 pareggi. Il Monza 5 sconfitte. Il Torino 4 sconfitte e 1 pareggio. Il Bologna 3 sconfitte e 1 pareggio. L'Atalanta 3 sconfitte.
La Serie A è questa, è difficile già per quelle squadre che hanno un blasone, immaginiamo per noi.
Da matricola è più facile incorrere in situazioni avvenute anche in altri club. Questo dato non dovrebbe passare inosservato agli addetti ai lavori, per far capire cos'è la Serie A".

Come si esce da questa situazione? Quali sono le cause?
“Può essere tutto tranne il piano fisico: domenica abbiamo fatto una partita all'altezza da questo punto di vista. Gli ultimi metri sono sempre quelli più difficili, quando devi raggiungere un obiettivo. Lo sono da un punto di vista inconscio. Se una squadra si trova a +8 sulla zona salvezza, vuol dire che per quell'obiettivo non si hanno limiti tecnici o tattici”.

Difficoltà casalinghe e in scontri diretti: sono dovute a inesperienza?
"Ci sta, può succedere. Come dicevo, gli ultimi metri sono più difficili. Se mancasse qualcosa di grave, non avremmo 27 punti. Abbiamo comunque vinto a Cremona e a Genova, pareggiato a La Spezia. Abbiamo fatto qualcosa di importante contro le big. Tutto è stato equilibrato in fin dei conti, non fai 27 punti se sei troppo giovane o hai problemi tattici. Dopo tanti anni che faccio calcio, dico che gli ultimi esami sono sempre i più difficili perchè subentrano altri fattori. Tutti possono avere questi problemi: una matricola come il Lecce ma non solo. 

Ai ragazzi dico che non devono pensare a quanto fatto, bensì a quello che devono ancora fare. La stessa cosa i tifosi: devono stare vicini senza spaventarsi. Mi auguro di no, ma ci sono squadre che non vincono per 6 partite, ve le ho citate. Dobbiamo sempre crederci, poi per vincere le guerre devi anche perdere battaglie. L'obiettivo è vincere la guerra".

Pochi gol nelle scorse partite: è un problema che si riduce a Ceesay e Colombo?
"Ricordo in terza categoria: quando si perdeva, i tifosi dicevano sempre ‘presidente compra la punta’. Oggi vedo che da noi è rimasto questo legame tra mancanza di vittorie e di punte. Torniamo sui numeri per capire quanto sia difficile segnare in A. L'Atalanta ha Zapata, Muriel, Boga, Lookman e Hojlund: non segnano da 3 partite, come i nostri attaccanti. 
Il Lecce ha realizzato 15 gol con i suoi 3 attaccanti (Ceesay, Colombo e Strefezza). Non aggiungo i numeri di Banda e Di Francesco, mi attengo ai 3 top scorer. Con solo 2 gol in più ci sono Bologna (Arnautovic, Orsolini e Barrow) e Roma (Dybala, Pellegrini e Abraham).
Con 16 gol ci sono Sassuolo (Laurienté 15 milioni, Berardi e Pinamonti 23 milioni) e Spezia.

Meno di Lecce hanno fatto Salernitana (Piatek 13 milioni e Dia 4 milioni netti all'anno), Fiorentina (Cabral 12 milioni, Jovic e Gonzalez 28 milioni).
Il Monza con meno gol di noi ha Caprari, Petagna e Pessina. Nemmeno cito Cremonese e Sampdoria.
A Lecce c'è il problema del gol? Bisogna fare delle analisi per trarre delle conclusioni.
Vorremmo soddisfare la passione dei nostri tifosi prendendo nomi roboanti, ma lo facciamo a modo nostro".

Quota salvezza?
“Lo scorso anno DS e allenatori sono arrivati a 31 punti e se ora tornano in quella città li offrono fritture e mozzarelle perchè hanno fatto miracoli. Noi siamo a 27 in 26. Lavoriamo per vincere la guerra”.

È possibile qualche big si sia distratto causa mercato?
“Le indiscrezioni sono stimoli. Se sai che ti vogliono i grandi club devi aumentare il livello”.

Quanto si deve portare in Via Colonnello Costadura per comprare Hjulmand?
“Appena sono arrivato in sede ho detto a Saverio che non mi piaceva. Oggi, invece, se entri non la riconosci più. Ho rimandato indietro chi ha bussato sino ad ora”.

La Primavera punta allo scudetto?
"Se vuoi arrivare ad un obiettivo e hai poco tempo, l'impegno è più faticoso. Io ho un'età, non posso stare sempre a volare, il mio volo sarà corto. I miei obiettivi li devo raggiungere in meno tempo.
20 anni fa lasciai il Lecce con patrimonio e con 7 titoli. Son ritornato e ho trovato il Lecce in Primavera 2. Se ci fossero stati calciatori salentini negli ultimi 15 anni, sarebbero emersi. Non sono emersi né a Lecce né altrove. Partendo dalla premessa che voglio raggiungere i miei obiettivi in meno tempo e le risorse sono sempre meno, ci siamo mossi in un certo modo. Vogliamo far tornare il Lecce credibile: i nostri giovani non devono andare a fare stage a Milano perchè reputano il Lecce una piccola realtà giovanile.

Oggi lottiamo alla pari delle big. La Juve ha pagato Mancini del Vicenza 4 milioni di euro: solo il tempo dirà se ne è valsa la pena rispetto a Burnete pagato 50mila euro.
Mi auguro che usciranno altri salentini come 20 anni fa, ma mentre 20 anni fa i salentini giocavano tutti nel Lecce, ora ci sono gli scout dei grandi club dietro l'angolo. Mi auguro i calciatori siano tutti di Vernole, Lecce e provincia, ma purtroppo non è possibile".

Vi aspettate una convocazione di Mancini?
“Sono sempre ottimista. L'ultimo nazionale del Lecce sotto la mia gestione fu Cassetti. Mi auguro un'altra medaglietta. Spero che un giocatore arrivato in questi due anni possa pregiarsi di essere convocato da Mancini. Sottolineo: sono molto ottimista. Rimarrei deluso se non fosse così".

In estate qualcuno l'ha sbeffeggiata per Umtiti e Baschirotto. Cosa ne pensa ora?
“Il nostro reparto difensivo è tra i migliori in Serie A ed è merito di tutti, anche Gallo, Gendrey e Falcone. Il segreto è la fase difensiva, che riguarda anche il centrocampo. A gennaio si diceva 'abbiamo Hjulmand, Gonzalez e Blin, serve un altro centrocampista'. Abbiamo preso il meglio che offriva il mercato ovvero Maleh, ma con Blin il centrocampo si sta rivelando più equilibrato. I bravi sono quelli che giocano. Umtiti e Baschirotto sono pezzi di cuore, abbiamo lavorato tanto con Trinchera. Se abbiamo fatto danno, state sicuri che danni economici non ne abbiamo fatti: tutte le operazioni sono state compiute in quanto a priori sostenibili".

Quali calciatori in prestito riscatterete?
"Tutti quelli che si stanno mettendo in evidenza, Colombo, Falcone e non solo. Sono state pattuite ottime cifre. Non bisogna meravigliarsi se si spendono 5 milioni per Maleh: i giocatori in Serie A costano tanto. I giocatori manco in Serie B vengono pagati 2 milioni.
Pongracic è giovane, sta tornando ora sul campo, credo che lo riavremo in gruppo tra un mese. Gli altri ragazzi non erano lontani di qualità rispetto a lui: siamo comunque tra le migliori difese, anche senza Pongracic".

Di cosa non è soddisfatto? Una delusione, un rammarico…
"Chi fa tante operazioni deve mettere in preventivo che a volte i giocatori vengono fuori anche dopo stagioni. Penso a Oudin, che per me è un giocatore importante in una Serie A: si sta trovando davanti giocatori che si stanno rivelando più pronti. Nelle ultime 2 stagioni aveva segnato 10 gol in Ligue 1.
Il mio rimpianto sono le due partite casalinghe contro Sassuolo e Torino: con un bel risultato avremmo esaltato i nostri tifosi. Ora penso ai prossimi metri".

Perché non promuove subito in prima squadra alcuni elementi della Primavera?
“Non so quanti dirigenti si possono vantare di aver buttato tra i grandi più giovani di me: ho un certa esperienza e metodica. Gonzalez forse si poteva affacciare alla prima squadra sin da subito, anche Vlahovic. Come fatto per loro, è meglio seguire un percorso. C'è una certa metodica, un criterio razionale, che tiene conto di entrambi i campionati”.

L'operato di Baroni la soddisfa?
“Il primo giorno che l'ho presentato dissi ‘sto scegliendo Baroni perchè voglio equilibrio’. Un sano equilibrio lo si ha valutando un allenatore nei gol che prendi e che fai. Misi in evidenza la fase difensiva: sono due anni che abbiamo ottime difese. Come si fa a non riconoscere la bontà di un lavoro? Non c'è bisogno di tornare al discorso dei numeri degli attaccanti comparati alle altre squadre”.

Coppitelli può fare i risultati di Rizzo?
“Se saremo bravi a dare a Coppitelli quanto dato a Rizzo, sarà bravo quanto Rizzo. Il rendimento degli allenatori dipende sempre dal materiale umano, Rizzo ne ha avuto tanto. Se dai qualcosa di importante, fanno qualcosa di importante e attualmente siamo primi”.

Come finirà a Firenze?
“La Fiorentina viene da 5 vittorie e 1 pareggio: la troveremo nel loro momento migliore. Sarà complicata e se non siamo all'altezza rischiamo di soccombere. Loro hanno valori importanti e stanno in fiducia. Dobbiamo giocare da Lecce”.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"

💬 Commenti