SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
LA PRIMA GIORNATA IN A

Buona la prima: gli esordi in Serie A dal 1985 ad oggi

Scritto da Andrea Sperti  | 

Domani alle ore 12 sarà reso noto, attraverso una cerimonia visibile anche su Dazn, il calendario per la prossima stagione. L’attesa è tanta e per fortuna quest’anno il campionato ripartirà presto, con i tifosi giallorossi che non vedono l’ora di riempire il Via Del Mare e tutti gli stadi d’Italia.

Di solito la tradizione degli ultimi anni ha visto spesso il Lecce iniziare il proprio cammino fuori casa. Oggi, in ogni caso, abbiamo deciso di riepilogare tutti gli esordi dei giallorossi nella massima serie, dalla prima volta nel 1985 all’ultima nel 2019.

Stagione 1985/1986

Il Lecce esordisce in Serie A contro i campioni in carica del Verona allo stadio Bentegodi. Quel match, anche un po' a sorpresa, termina 2 a 2 con i giallorossi che sembrano già perfettamente integrati in quel campionato. A dire il vero, però, la compagine salentina chiude all’ultimo posto in classifica con soli 16 punti in classifica. 

Stagione 1988/1989

Il Lecce di Mazzone inizia il suo campionato nuovamente allo stadio Bentegodi di Verona, sempre contro l’Hellas. Questa volta perde la gara d’esordio ma si salva agevolmente, ottenendo uno storico nono posto in classifica.

Stagione 1989/1990

Ancora fuori casa la prima giornata per i giallorossi. Il Lecce va di scena a Marassi contro il Genoa e perde 1 a 0: autore del gol Fontolan. Mazzone in panchina, però, è una garanzia ed i salentini si salvano per il secondo anno consecutivo.

Stagione 1990/1991

I giallorossi cominciano per la prima volta in Serie A davanti al pubblico del Via Del Mare, pareggiando il match interno contro il Napoli con uno scialbo 0 a 0. L’arbitro dell’incontro è Pairetto, il papà del direttore di gara che in questa stagione ha diretto il big match tra Lecce e Benevento. A fine stagione i giallorossi tornano in Serie B. 

Stagione 1993/1994

Ancora Via Del Mare ma questa volta sconfitta. Il Lecce ospita il Milan e perde a causa di un gol di Boban, talento purissimo della formazione rossonera. A fine anno i salentini retrocedono mestamente in cadetteria. 

Stagione 1997/1998

Inizia Prandelli, continua Pereni e termina Sonetti. Ciò che non cambia rispetto al passato è il risultato, con i giallorossi che ritornano ancora in Serie B. La gara d’esordio di quel campionato si disputa al Delle Alpi di Torino contro la Juventus ed è decisa da un gol di Inzaghi e da una rete di Conte. Quest’ultima marcatura ha generato poi diverse polemiche dato che il centrocampista originario salentino ha esultato pur avendo segnato contro la squadra della sua città e nella quale è cresciuto.

Stagione 1999/2000

Il Lecce di Cavasin ospita il Milan del nuovo attaccante ucraino Shevchenko. Il centravanti bagna il suo esordio in Italia con un gol ma non basta. La gara termina 2 a 2 con le reti di Weah per i rossoneri e Savino e Lucarelli per i padroni di casa.

Stagione 2000/2001

Ancora Cavasin in panchina per il Lecce ed ancora pareggio alla prima, questa volta fuori casa al Curi di Perugia. Per i biancorossi la rete porta la firma di Materazzi, mentre il gol del Lecce è siglato da Davor Vugrinec. I salentini ottengono la loro seconda salvezza consecutiva.

Stagione 2001/2002

Questo è il Lecce di Chevanton e Giacomazzi che, pur retrocedendo in B, apre un ciclo che dura poi negli anni successivi ed interessa anche la Primavera. L’attaccante uruguaiano, in ogni caso, si presenta a modo suo alla prima di campionato contro il Parma, rubando il pallone con lo spallino al portiere dei ducali Frey ed infilandolo con un preciso pallonetto proprio sotto la Curva Nord.

Stagione 2003/2004

La compagine giallorossa festeggia il suo ritorno in Serie A con una pesante sconfitta in quel dell’Olimpico contro la Lazio. La gara termina 4 a 1 per i biancocelesti con le reti di Corradi, Oddo, Albertini e Fiore. La marcatura del Lecce, invece, è siglata da Axel Cedrid Konan.

Stagione 2004/2005

Il Lecce di Zeman inizia la nuova stagione agli Atleti Azzurri d’Italia contro l’Atalanta. Pazzini, dopo appena due minuti di gioco, rompe gli indugi ma Giacomazzi e Bojinov riprendono per due volte i padroni di casa e fissano il punteggio sul definitivo 2 a 2. Quel Lecce ha iniziato praticando calcio champagne ed ha chiuso il torneo allo stesso modo, con un pirotecnico 3 a 3 in casa contro il Parma.

Stagione 2005/2006

I giallorossi di Gregucci partono la loro rincorsa alla salvezza da Livorno, nell’anticipo del sabato alle 18. Purtroppo per la truppa salentina, però, la sfida finisce 2 a 1 per i padroni di casa, con quel Lecce che presto capisce che quella è l’annata giusta per ritornare in Serie B dopo tre stagioni nel massimo campionato italiano. 

Stagione 2008/2009

Il Lecce di Mario Beretta si presenta allo stadio Olimpico per affrontare il Torino. Quello che dovrebbe essere uno scontro diretto si conclude con un netto 3 a 0 per i padroni di casa, con le reti di Paolo Zanetti, Alessandro Rosina e Rolando Bianchi. Quella partita viene ricordata anche per un evidente fallo di mano in area di rigore da parte del centrale giallorosso Diamoutene.

Stagione 2010/2011

In un San Siro festante per l’acquisto di Zlatan Ibrahimovic da parte del Milan, il Lecce si comporta da spettatore non pagante e perde 4 a 0 la prima partita di quel campionato. I giallorossi di De Canio in quella stagione hanno subito parecchie batoste ma alla fine sono riusciti ad ottenere la salvezza, sebbene poi quel risultato sia stato cancellato dalle sentenze dei tribunali relative a quel maledetto derby della penultima giornata.

Stagione 2011/2012

Il Lecce dell’esordiente Eusebio Di Francesco inizia il suo campionato in casa contro l’Udinese e perde 2 a 0 a causa delle reti di Basta, ex dell’incontro, e Di Natale. A dir la verità, i giallorossi avrebbero dovuto cominciare nuovamente a San Siro, questa volta contro l’Inter, ma lo sciopero dei calciatori ha fatto slittare di qualche mese la prima giornata di campionato. 

Stagione 2019/2020

I giallorossi di Liverani ritornato in A dopo diverse stagioni e cominciano ancora una volta da San Siro, questa volta contro l’Inter. Nella sfida contro i nerazzurri non c’è storia dato che la gara termina 4 a 0. Sappiamo tutti come è andata quella stagione e quanto il Covid abbia inciso sul risultato finale.

Insomma, il Lecce ha iniziato il suo cammino spesso fuori casa e contro le grandi del campionato. Domani vedremo chi affronteremo alla prima giornata in questa stagione, ma alla fine i giallorossi dovranno giocare contro tutte le formazioni per due volte e forse battersi con una big ad inizio torneo ed a mercato ancora aperto può rappresentare un vantaggio per la truppa di Baroni, composta già da un gruppo rodato e carico di entusiasmo. 


💬 Commenti