IL SOGNO

Sarebbe bello, ma forse non per tutti

Scritto da Andrea Sperti  | 

Sarebbe bello . Lo abbiamo pensato vedendo la festa dei calciatori e dei tifosi di Empoli e Salernitana, guardando i loro volti sorridenti e la felicità dei loro occhi. Lo abbiamo immaginato anche noi quel momento, lo abbiamo vissuto solo nella nostra testa e lì è rimasto, senza possibilità di replica nella realtà.

Sarebbe bello vincere questi play off, giocarli da Lecce, con la bava alla bocca ed il sangue agli occhi. Vedere i nostri calciatori mordere le caviglie degli avversari, lottare su ogni pallone e per ogni minuto della partita. Avremmo tutti questi desideri e non ci pare nemmeno di chiedere nulla di particolare, in fondo ogni calciatore dovrebbe scendere in campo con questa idea in testa.

Sarebbe bello per Mancosu, il capitano, l'uomo simbolo di questo Lecce nel bene e nel male. Lui ha voluto condividere con tutti la sua malattia, lo ha fatto per unire ancor di più l'ambiente, ha deciso di dirlo dopo due sconfitte consecutive, forse per chiarire a tutti che la lotta continua fa parte della vita e nessuno ci regala niente. Marco che festeggia urlando di gioia lo vediamo solo chiudendo i nostri occhi e quella sarebbe un ' immagine commovente, la cartolina migliore per chiudere questa infinita stagione.

Sarebbe bello tutto quello che abbiamo scritto in questo articolo ma poi apriamo i social, leggiamo i commenti che in molti lasciano sotto i nostri pezzi e capiamo che parecchi hanno già mollato, come se le prossime gare non esistessero. Non si tratta di ottimismo o pessimismo, ma solo di passione e amore per i propri colori. Il tifoso sostiene e non sentenzia, almeno non quando la promozione è distante 4 partite. 

Sarebbe bello. Si, abbiamo finito di dirlo, ma siamo sicuri che lo sarebbe per tutti?!


💬 Commenti