header logo

Mister 15 assist in stagione prepara le valigie. Nelle prossime ore Hamza Rafia raggiungerà il gruppo squadra: il Lecce ed il Pescara hanno trovato l'accordo e la trattativa può considerarsi chiusa. Un talento cresciuto nel Lione (dove ha disputato la Youth League) e nella Juve, che dopo essersi perso si è ritrovato con Zeman. Gli sono bastati 6 mesi agli ordini del Boemo per ritrovare la retta via nel ruolo di mezz'ala offensiva, incantando in Serie C.

“Cosa c'entra con la C? Non lo so, gli auguro di arrivare in altre categorie” - aveva dichiarato il boemo durante la stagione. Il calciatore, che ha stretto un legame eccezionale con Zeman, ringrazia: “i gradoni? Non li avevo mai fatti, ma il lavoro paga. Si vede che in campo vado sempre più forte”.

Sul calciatore c'erano club di Serie A e B, ma l'ha avuta vinta il Lecce. Il DS del Pescara, Delli Carri, puntava ad un'asta: “La qualità assoluta ce l'abbiamo avuta in Rafia, che vale indicativamente tra i 4 e i 5 milioni di euro”.

Il Lecce se l'è aggiudicato per circa un milione più percentuale sulla futura rivendita. Il presidente Sebastiani ha parlato del calciatore proprio questa mattina:

"Potrebbe arrivare in ritiro, a meno che non si chiuda in queste ore qualche trattativa. Venezia, Ternana, Lecce: queste le candidate. Ma l’operazione deve andare bene a lui e a noi. Ho sentito parlare di numeri folli in questi giorni. Chi può pagare oggi 4 milioni per un giocatore che viene dalla C? Se avesse fatto certi numeri in B, allora sarebbe stata una storia diversa. Per me, se prendessimo un milione e mezzo sarebbe un ottimo affare. In Italia impossibile prendere cifre superiori. Contropartite tecniche? No. Per lui, l’ideale sarebbe andare in B a lottare per vincere, in un club importante e ambizioso. In A, con squadre che lotteranno per la salvezza, un giocatore d’attacco come lui rischierebbe di non trovare spazio. Lui vorrebbe restare in Italia".

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"