header logo

Giornata di conferenza stampa per Claudio Ranieri. A due giorni dalla sfida contro il Frosinone, il tecnico del Cagliari ha presentato il match in una conferenza stampa raccolta da Tuttomercatoweb: "Sarà una gara importante, lo sono tutte. Affrontiamo una squadra che è in un momento d'oro. Di Francesco sta riuscendo ad attuale il suo calcio, gli sta riuscendo ciò che non gli è riuscito qui a Cagliari. In questo momento il Frosinone è la rivelazione della Serie A insieme al Lecce, bisognerà lottare fino alla fine perché sarà una partita bella, difficile e intensa".

Mancosu trequartista è una soluzione che può essere utilizzata con continuità?
"Io sono sempre per i giocatori di qualità, quando starà bene cercherò sempre di giocare con lui".

Le scelte di domenica un messaggio alla squadra?
"I ragazzi sanno bene che sono tutti uguali. Devo valutare la partita e l'avversario che ho davanti e cercare le pedine più giuste, questa è stata sempre la mia idea. Avevo bisogno di giocatori rapidi per supportare il centrocampo e attaccare gli spazi".

Quanta rabbia c'è dopo la coda di Salerno?
"No, non c'è rabbia. Non ci abbiamo più pensato. C'è l'amarezza del momento, ma ora c'è un'altra gara e non possiamo restare ancorati alle vecchie decisioni. Dovremo essere molto attenti e concentrati".

A Salerno il miglior Cagliari di quest'anno? Difesa a quattro e trequartista, si andrà avanti su questa strada?
"Io non traccio mai una sola strada, poi dipende sempre da come stanno i ragazzi. Non ho un solo sistema di gioco. Il Frosinone pur giocando col 4-3-3 ha giocate differenti e quindi bisognerà pensare bene chi sta in forma, chi può subentrare. Questo spetta a me".

Il Cagliari è Luvumbo dipendente? Lapadula potrebbe giocare?
"Lapadula deve giocare quando sta bene, è il nostro attaccante principe. Lui ci sta vicino, si sta allenando bene ma non è facile tornare subito in campo. In questo momento siamo Luvumbo dipendenti, è vero, godiamoci questi gol che sta facendo".

Come prosegue la tiratura a lucido di Petagna?
"Aveva iniziato molto bene nella prima partita, poi s'è fatto male al polpaccio e ha perso due settimane di lavoro. Avendo una struttura notevole sta faticando più del dovuto, ma si lavora al massimo per farlo tornare in piena forma".

Lecce-Torino, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"