header logo

Cadice e Lecce si affronteranno domenica 6 agosto per decretare il vincitore della 69esima edizione del Trofeo Carranza. La gara si giocherà presso lo “Estadio Nuevo Mirandilla” di Cadice e, al momento, sembrerebbe che la diretta sarà offerta gratuitamente sul canale ufficiale Twitch del Cadiz oppure sul portale spagnolo PLAIZ.

Oggi, in ogni caso, andiamo alla scoperta della squadra spagnola, provando a capire trucchi, segreti e calciatori ai quali stare maggiormente attenti nella sfida di domenica prossima.

Cadice-Lecce, le amichevoli della squadra spagnola 

Informandoci sulle amichevole disputate dalla compagine iberica, abbiamo notato che i gialloblù hanno sempre trionfato nelle cinque gare disputate, salvo nell’ultima partita del 28 luglio, nella quale hanno perso contro il Las Palmas per 1 a 0.

Cadice-Lecce, l'allenatore del club iberico 

Sergio Gonzalez Soriano, tecnico esperto ma ancora giovane, (ha solo 46 anni ma già promozioni e salvezze nel curriculum), di solito si affida ad un pragmatico 4-4-2, con terzini ed esterni di centrocampo che spingono molto ed i mediani che, invece, restano bloccati a dar manforte ai due centrali di difesa. Sarà molto interessante vedere come reagirà D'Aversa e se il tecnico salentino attuerà delle contromosse per arginare le folate offensive avversarie. 

Cadice-Lecce, le due conoscenze del calcio italiano 

Molti dei calciatori che militano nel Cadice hanno avuto soprattutto esperienze in Spagna, sebbene nella rosa a disposizione di Sergio ci siano anche due vecchie conoscenze del calcio italiano: Gonzalo Escalante e Darwin Machis. Il primo non ha brillato nella Lazio di Sarri ed è stato riscattato dal prestito proprio durante questo mercato estivo, mentre il secondo ad Udine è arrivato solo di passaggio, disputando 14 presenze tra campionato e Coppa Italia.

Cadice-Lecce, il reparto offensivo degli spagnoli 

In attacco, oltre a Martì e Ramos, presumibilmente i due titolari contro il Lecce, c’è Alvaro Negredo, centravanti di fama internazionale, soprannominato “lo squalo” per la sua voracità nell’area di rigore avversaria. Il classe ’85 tra le altre ha vestito le maglie di Manchester City e Siviglia e nel 2020, dopo l’esperienza in Arabia Saudita, ha deciso di ritornare in Spagna, per aiutare il Cadice a conquistare la salvezza nella Liga. Stiamo parlando di un attaccante che ha disputato 21 presenze e segnato 10 gol con la maglia delle Furie Rosse spagnole, un bomber conclamato che può fare ancora la differenza nonostante la carta d'identità non stia più dalla sua parte. 

Cadice-Lecce, la scorsa stagione della compagine gialloblu 

Lo scorso anno è arrivato un sorprendente quattordicesimo posto e l’augurio per questa stagione è quello di riconfermarsi, magari migliorando anche il piazzamento in classifica. Le due squadre si affronteranno a viso aperto, provando a dare il meglio prima dell’inizio delle sfide ufficiali. Da quelle parti il trofeo Carranza ha la sua importanza e per questo il Lecce dovrà farsi trovare pronto, giocando con ordine ed organizzazione. Di sicuro si tratterà di un test probante per la squadra di D’Aversa, che nelle amichevoli disputate in ritiro ha sempre dilagato.

L’appuntamento adesso è a domenica prossima. Rispondere presente all’appello per dare fiducia ed alimentare l’entusiasmo di tutto il popolo salentino. 

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"