header logo

Matteo Di Piazza, protagonista della promozione in Serie B col Lecce, è stato intervistato durante PL Night in diretta su Twitch ogni giovedì a partire dalle 21:00.

Ricordi: il gol in Lecce-Catania 1-1

“Così mi fate commuovere. Ricordi eccezionali oltre alla vittoria del campionato. Mi sentivo a casa e Lecce mi ha accolto come una famiglia. Mi ha dato tutto. Venivo da un mese infortunato e con Liverani avevamo deciso il minutaggio, ovvero gli ultimi 30 minuti. Quel gol è stato una gioia immensa, una bella emozione davanti a 20mila persone. Il boato del Via del Mare è una roba allucinante. Sono sempre stato un uomo vero. Faccio fatica a ricordare un gruppo come quello avuto a Lecce. Mi scrivono ancora in tanti e quando sono stato a Lecce di recente mi hanno chiesto tante foto".

L'addio al Lecce

Di Piazza

“Con Sticchi Damiani e Liverani mi sento spesso. Ero di proprietà del Foggia. A gennaio iniziammo a parlare di contratto, ma sapete come funziona il calcio. In un'intervista Liverani disse che l'obiettivo del Lecce era comprare un giocatore con esperienza in Serie B. Magari mi aspettavo un riconoscimento diverso, ma non me la sono presa. Il Lecce poi, come immaginabile, fece il doppio salto. 

Se ho rimpianti? Il mio carattere magari non mi ha portato a raggiungere il massimo: ero istintivo ma sincero e vero. Mi sento con tanti ex compagni, ma giustamente ognuno ha preso strade diverse. Ho parlato anche con Pellé, Chevanton… mi fa piacere”.

Un ricordo particolare al Via del Mare

“Sono tornato a Lecce a vedere qualche partita. Ho un ricordo particolare… andai a vedere un concerto dei Negramaro e sono uscito appena entrato al Via del Mare. Mi sono emozionato, ho dovuto lasciare lo stadio senza vedere il concerto. È stato difficile perché mi venivano in mente tutti i ricordi".

Verona-Lecce, Live Reaction di Pianetalecce al Pipa di Muro Leccese
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita