SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
APPROFONDIMENTO

"Collare d'Oro al Merito Sportivo": il focus sullo straordinario premio conferito al Lecce

Scritto da Filippo Verri  | 

Nella giornata di ieri, Il CONI ha conferito il "Collare d’Oro al Merito Sportivo” all’Unione Sportiva Lecce, per l’attività svolta e le benemerenze acquisite in oltre un secolo di vita. 
I salentini sono l'unica società sportiva di calcio, per l’anno 2021, a ricevere tale premio.

L'ONORIFICENZA

Il Collare d'Oro  è la massima onorificenza conferita, annualmente, ad atleti, dirigenti e società sportive.  
Introdotto nel 1955, viene concesso una sola volta nel corso della carriera sportiva, ed è di un singolo grado: l'Oro.

Requisito fondamentale per le società sportive è l'anzianità di costituzione di almeno 100 anni e l'essere già in possesso della Stella d'Oro. Chi viene insignito del collare d'oro non può ricevere onorificenze di grado inferiore: nel caso un atleta, dirigente o società dovessero meritare per la seconda volta il collare d'oro viene conferito il Diploma d'Onore, costituito da una targa su cui è riprodotto il Collare.

IL LECCE E LA STELLA D'ORO

L'Unione Sportiva Lecce nel 1982 ha ricevuto la Stella d'argento al merito sportivo, mentre, nel 1987, è stata premiata con quella d'oro.
Le Stelle al merito sportivo sono state istituite nel 1933 per premiare atleti, tecnici, dirigenti e società che si fossero particolarmente distinti nel dare lustro allo sport italiano, ed hanno tre distinti gradi: d'oro, d'argento e di bronzo.

STORIA DEL COLLARE D'ORO

Il Collare d'Oro è stato conferito, in quasi un secolo di storia, a sole 14 società calcistiche (tra cui, appunto, il Lecce nel 2021).
Il primo club a riceverlo è stato il Genoa nel 1999. Successivamente, la Pro Vercelli (2000), la Pro Patria (2001), la Lazio (2001), la Juventus (2001), il Milan (2007), l'Inter (2008), l'Udinese (2011), il Torino (2016), il Bologna (2017), l'Atalanta (2018), la SPAL (2019) ed il Cagliari (2020).