header logo

Il campionato di Serie A, anche quest’anno, sta regalando emozioni e incredibili stravolgimenti fin dalle primissime battute.

Sicuramente, tra le delusioni più grandi di questo inizio stagionale c’è la Roma di Josè Mourinho. I capitolini hanno 5 punti in classifica e si trovano momentaneamente a due sole lunghezze dalla zona retrocessione; la sconfitta contro il Verona di Baroni ma soprattutto l’ultimo pesante tonfo contro il Genoa per 4-1, confermano una situazione all’interno dell’ambiente giallorosso tutta fuorché serena e spensierata, soprattutto se si considerano gli obiettivi prefissati e gli arrivi dei vari Renato Sanches, Paredes e soprattutto Lukaku che dovrebbero garantire quel salto di qualità per raggiungere prestigiosi traguardi nei piani alti della classifica.

Al vertice della graduatoria nessuna sorpresa con le due milanesi a pari punti che continuano a sportellare tra di loro per avere la meglio nel finale di stagione. Le sconfitte contro il Sassuolo, per i nerazzurri e la clamorosa debacle nel derby, per i rossoneri, rappresentano le uniche note stonate di questo avvio di torneo che rimane, nonostante ciò, più che positivo e sufficiente.

Subito dopo la Juventus di Massimiliano Allegri che senza coppe europee ha sicuramente tutto il tempo per gestire al meglio le energie per continuare a disputare una stagione ad alti livelli, tornando il prima possibile tra le big d’Europa dopo il deludente passato che l’ha contraddistinta.

Molto bene anche l’Atalanta di Gasperini, al quarto posto in classifica. L’arrivo di De Ketelaere in quel di Bergamo si sta rivelando positivo per l’ambiente ma soprattutto per sé stesso a livello personale, dopo la deludente stagione con il Milan dello scorso anno.

A seguire, sempre tra le big, e con gli stessi punti (ben undici): Napoli, Fiorentina e soprattutto la rivelazione Lecce. L’obiettivo dei giallorossi è la salvezza ma vederlo così in alto fa sempre un bell’effetto. La speranza, però, è che l’altezza non faccia venir troppo le vertigini per non fare un brutto capitombolo in caso di caduta. Ѐ proprio per questo motivo che, nonostante la posizione apparentemente tranquilla e stabile, sarà importante rimanere sempre con i piedi ben piantati a terra; non esagerare troppo con le fantasticherie, restare sul pezzo e interpretare ogni partita come se fosse l’ultima per non retrocedere. Una cosa però è certa: questo Lecce sarà, quando affrontato, l’incubo di tutti. La Serie A è avvisata.

Lecce-Sassuolo, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"