header logo

Dopo il pareggio contro il Verona, il Lecce prosegue la sua preparazione in vista della prossima sfida di campionato contro il Bologna, avversario ostico e in un bel momento della stagione, considerando la sorprendente posizione in classifica (a ridosso dalla zona Champions) e il modo di giocare, ricamato nei minimi dettagli dal suo allenatore Thiago Motta che si sta confermando, al suo secondo anno in Emilia, a livelli interessanti ed entusiasmanti. 

Per gli uomini di D'Aversa, pertanto, massima dovrà essere l'attenzione nel fronteggarie un opponente che verrà nel Salento senza fare sconti e, che nell'ultimo precedente giocato al Via del Mare, è riuscito a strappare un successo al fotofinish grazie a un gol nei minuti finali di Ferguson (vecchio “pallino” di mercato del Direttore Corvino).

Con 3 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte in tredici turni, il Lecce si trova al tredicesimo posto della graduatoria con quindici punti. Ma quanti sarebbero potuti essere se, in alcune circostanze, i giallorossi non si fossero fatti rimontare in situazioni di vantaggio?

Monza - Lecce 

Monza-Lecce

Il primo episodio risale alla quarta giornata contro il Monza all'U-Powe Stadium del “famoso” rosso a Baschirotto. I giallorossi, dopo il momentaneo vantaggio messo a segno da Krstovic su calcio di rigore, si fecero rimontare da Colpani non riuscendo a trovare il sorpasso decisivo.

Roma - Lecce

Almqvist contro due avversari

Il secondo episodio, invece, risale alla sfida contro i capitolini valevole per l'undicesimo turno. All'Olimpico, Falcone para un rigore nei minuti iniziali mentre Almqvist fa sognare i tifosi venuti in massa nel settore ospiti. Nei minuti finali, però, quello che non ti aspetti e che non vorresti mai vedere: prima Azmoun e poi Lukaku, all'ultimo istante, regalano una vittoria agli uomini di Mourinho quasi insperata e un tragicomico epilogo alla compagine salentina.

Verona - Lecce

Krstovic a terra dopo un fallo

L'ultimo episodio, infine, risale proprio alla precedente gara giocata al Bentegodi. Contro il Verona, del grande ex Marco Baroni, succede di tutto con il Lecce per ben due volte in vantaggio grazie a Oudin e Gonzalez e per altrettante rimontato dai gialloblù. San Falcone chiude la porta nei minuti finali, grazie a una serie di miracoli che si riveleranno provvidenziali per quanto visto durante l'incontro, specie nel secondo tempo.

 

 

 

Krstovic-Piccoli e Banda-Strefezza: e se ogni tanto si provasse a cambiare?
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita