header logo

Minuto ’22 di Bologna-Lecce. I giallorossi, incassato il gol del vantaggio avversario, provano a reagire. Hanno già prodotto due palle gol con Kaba e Krstovic quando un pasticcio della difesa rossoblù spalanca la porta all’attaccante montenegrino.

Krstovic aspetta, guarda lo specchio e poi calcia, fuori. I suoi compagni di squadra lo cercano e lui abbassa la testa, sconsolato per un errore grave, che avrebbe potuto cambiare le sorti di una partita che poi il Lecce ha perso nettamente. 

Il centravanti giallorosso sta vivendo un momento difficile. Si, a Genova è riuscito a sbloccarsi dopo 114 giorni di digiuno ma l’errore dal dischetto, sempre al Ferraris, sommato alle due occasioni clamorose sbagliate con Fiorentina e Bologna, pesa sul giudizio della sua stagione. 

Lavoro sporco

Impegno, abnegazione e tanto, tantissimo lavoro sporco. Non possiamo negare tutto quello che Krstovic produce per questa squadra. Spesso è servito spalle alla porta ed in tante occasioni riesce anche a girarsi ed a fungere da regista offensivo. Partecipa parecchio al gioco della truppa di D’Aversa e fa a sportellate praticamente con tutti i difensori, perdendo pochissimi duelli. Forse tutto questo, però, lo rende meno lucido sottoporta ed anche questi errori non fanno che aumentare la pressione che, inevitabilmente, il ragazzo sente addosso.

Roberto D'Aversa

E se la soluzione fosse la panchina?

A volte sedersi in panchina ed entrare a gara in corso può rappresentare una soluzione. La maglia da titolare è un premio ma delle scelte differenti non devono per forza significare bocciatura. L’obiettivo del Lecce adesso è quello di ottenere punti salvezza e per farlo è necessario che Krstovic si sblocchi. Al di là dei numeri e della possibilità di andare o meno in doppia cifra, Nikola non è un attaccante che solitamente sbaglia quei gol perché non ha mai fallito occasioni del genere nella sua carriera. È chiaro che l’aspetto psicologico sta condizionando più del dovuto le sue prestazioni e non gli sta permettendo di rendere al meglio, come può e deve fare.

Contro il Torino in campo?

Vedremo se contro il Torino mister D’Aversa deciderà di schierarlo nuovamente o se, per questa volta, inserirà dall’inizio Piccoli. Di solito, il prodotto della Primavera dell’Atalanta è fondamentale a gara in corso ma è necessario fare qualcosa per interrompere la crisi gol che sta attanagliando Nikola Krstovic. Serve che segni un gol importante, magari da 3 punti, e che questa rete lo possa sbloccare definitivamente. Stanno arrivando le partite dai punti pesanti ed il Lecce non può permettersi di sprecare certe occasioni. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Falco riparte della Romania: in queste ore la firma col Cluj