header logo

Allan Baclet, attaccante del Lecce nella stagione 2009-10, è stato nostro ospite in diretta su Twitch.

Tanti bei ricordi nel Salento

Sono partito alla grandissima, 4 gol subito in Serie A. C’era un bel gruppo, una grande concorrenza. Quando entravo riuscivo a fare qualche gol e assist. Alla fine abbiamo vinto il campionato, gioia immensa. L’aneddoto brutto è stata la sconfitta casalinga col Cesena. Avevamo il pullman scoperto già organizzato. In casa avevamo sempre vinto. Malonga fece doppia in due minuti… eurogol. C’erano 32mila tifosi allo stadio, che delusione. Poi doppio pareggio e promozione: annata bellissima. Di Michele ci diede una marcia in più. Contro la Reggina feci due gol di sinistro da fuori area. Perdevamo 1-0, il mister mi fece entrare e la ribaltammo. Partita magica. Bella anche la prima partita contro l’Ancona con doppietta mia e gol di Lepore.

Trinchera è un mito

L'ex attaccante del Lecce ha incrociato l'attuale DS dei giallorossi a Cosenza, dove ha ottenuto la storica promozione in Serie B.

Trinchera è il numero 1, persona eccezionale che capisce di calcio come pochi. Viaggiavamo sempre insieme perché io ho casa a Lecce, si è creato un bel rapporto. I numeri parlano, non si può dire niente su Trinchera. Abbiamo vinto i play-off insieme, feci 7 partite e 5 gol. Il calcio è fatto di momenti. Lecce è abituata alla Serie A, mentre il Cosenza non andava in Serie B da 18 anni. Ci fu una festa gigantesca, infatti a Cosenza vedono Trinchera come un mito.

Stefano Trinchera

È rimasto legato al Lecce 

Prima di andare a Cosenza c’era stata la possibilità di venire a Lecce. Sono rimasto legato, ho visto qualche partita. Quando posso le vado a vedere. Mi vengono i brividi al Via del Mare. Il Lecce è impressionante, è una bella squadra che gioca bene ed il mister è bravo. Banda e Almqvist sono davvero forti, ottimi giocatori. Ultimamente manca la vittoria, però in classifica sta bene. Secondo me quest’anno sta andando meglio rispetto allo scorso anno. Il Frosinone è tosto ma si può fare. Tiferò per il Lecce.

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita