header logo

Multiproprietà

Sono profondamente contrario. Anche la multiproprietà a parer mio può sfociare nella alterazione della concorrenza sportiva. In che senso? Io compro dalla società “figlia” un giocatore a una cifra molto alta e metto a posto il bilancio della società “madre”, oppure lo pago meno di quello che il giocatore vale e si crea una alterazione della concorrenza rispetto alle altre partecipanti al torneo. Per tutte queste ragioni la multiproprietà nel calcio italiano non mi convince.

Seconde squadre

Noi l’Under 23 l’abbiamo in casa e partecipa al campionato di serie A, vista l’età media dei nostri calciatori... La Juventus ha operato bene visto che sta portando in Prima squadra tanti giocatori dell’under 23. Mi chiedo però come si possa conciliare la possibilità di formare nuove squadre under 23 se poi l'idea è quella di ridurre la Lega Pro a pochi club? È un controsenso. Ecco perché, secondo il mio parere, bisognerebbe puntare anche sulle squadre Primavera e sull'Under 18 per far crescere i nostri giovani. 

Lecce Primavera

Noi in questi anni abbiamo investito sul settore giovanile secondo quelle che erano le nostre possibilità economiche. Solo che alla Federazione non è piaciuto il fatto che abbiamo puntato su giovani stranieri. A parer mio, se qualcuno vuole fare la battaglia sugli stranieri dovrebbe avere il coraggio di farla sulle prime squadre, quale è il senso di osteggiare la Primavera del Lecce con regole penalizzanti e poi consentire alle prime squadre di giocare con 11 stranieri?

Serie A a 18 squadre

Sono contrario alla serie A a 18 squadre. Secondo me è un modo di alcune big per limitare i propri danni economici. Molto banalmente, oggi gli introiti della Serie A vengono divisi tra 20 squadre, l’idea di poter dividere tra 18 alletta le big. Perché togliere a due piazze piccole l’opportunità di competere nel massimo campionato italiano? Per me il numero delle partite conta ben poco, il problema principali sono gli introiti.

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Champions League: può essere l'anno dell'Inter?