header logo

Massimo Coda è diventato negli ultimi anni l’attaccante di Serie B per eccellenza. Qualunque squadra voglia provare la scalata verso la massima serie cerca sempre l’attaccante campano, autore di 3 stagioni consecutive in doppia cifra e due promozioni di fila con le maglie di Lecce e Genoa.

Massimo Coda, le statistiche con il Lecce

In giallorosso l’Hispanico ha vinto due volte il titolo di capocannoniere ed ha ottenuto una promozione incredibile, grazie anche ai suoi 44 gol in due anni, numeri da capogiro per un bomber assoluto in questa categoria. 

Lo scorso anno di questi tempi sembrava potesse rimanere nel Salento per giocarsi le sue carte in Serie A, un campionato che ha soltanto assaggiato in passato con le maglie di Parma e Benevento. Durante la prima esperienza è stato sfortunato perché ha subito un brutto infortunio, mentre nella seconda occasione ha siglato 6 reti nonostante la squadra non fosse adeguata alla massima serie.

In ogni caso, ad un certo punto dello scorso mercato è arrivata un’offerta irrinunciabile da parte del Genoa ed il Lecce ed il calciatore hanno deciso, di comune accordo, di accettarla.

Massimo Coda, le statistiche con il Genoa

In rossoblù, nonostante qualche momento di difficoltà, Massimo non ha tradito le aspettative ed ha segnato 11 gol tra campionato e coppa, festeggiando a fine anno un meritato ritorno in A. Adesso, però, si sta riproponendo lo stesso interrogativo della passata stagione. Il classe ’88 ha tante offerte dalla B, con Parma, Cremonese, Modena e Pisa che farebbero carte false pur di riportarlo in cadetteria. I ducali sembrano i più vicini alla conclusione della trattativa ma occhio al ritorno di una delle altre compagini accreditate a prelevare il suo cartellino. Chiunque lo vorrà dovrà sborsare una cifra importante, ma ora toccherà a Massimo decidere se confrontarsi con i campioni della massima serie o ritornare nel suo habitat naturale per provare a conquistare l’ennesima promozione. 

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"