IL DIFENSORE GIALLOROSSO

Baschirotto: "La mia ambizione è quella di arrivare più in alto possibile. Lavoro tanto sul mio fisico"

Scritto da Andrea Sperti  | 

Federico Baschirotto è ormai diventato l'idolo di tutti i tifosi italiani, non solo di quelli del Lecce. Oggi la nota pagina Chiamarsi Bomber lo ha intervistato per farsi raccontare trucchi e segreti del suo magnifico successo. Ecco di seguito l'intervista del difensore centrale giallorosso 

Una scalata dalla Serie D alla A, fino a due stagioni fa eri in C. Cosa è scattato in te e cosa c’è di diverso tra le varie categorie?

“Sì, ho giocato in diverse categorie, menzionerei anche la Promozione perché è da lì che sono partito. Differenze? Sicuramente il livello tecnico dei giocatori, dei campioni che trovi in campo e la velocità di gioco. In me non è scattato nulla perché la mia ambizione è di arrivare più in alto possibile e la mia dedizione al lavoro è stata sempre la stessa, sia in Promozione che in Serie A“.

In coppia con Umtiti hai formato un’ottima cerniera difensiva. Qual è il vostro rapporto e come comunicate?

“Tra noi c’è un bellissimo rapporto pieno di fiducia e massimo rispetto. Abbiamo semplici comunicazioni di gioco ‘Occhio!, Arriva l’uomo!’. Mi chiama per nome, io lo chiamo per nome, comunicazioni semplici per attivarci e concentrarci al massimo su quello che ci sta accadendo intorno“.

Il celebre fisico di Baschirotto. Quanto tempo ci dedichi?

“Dedico molte ore al fisico, credo che sia il motore che ci permette di lavorare più a lungo nel calcio. Mi ha reso sicuramente più forte, più agile, più veloce. Ad oggi il calcio è sicuramente a livello fisico molto più impattante e questo mi aiuta in campo ad essere più esplosivo e rapido. Mi ha giovato tanto negli anni e continuerò a farlo. Vorrei precisare che lo faccio più per una questione di campo che a livello personale o estetico”.