header logo

Il calciomercato deve ancora aprire ufficialmente le sue porte, ma queste sono le settimane in cui i top club si muovono per anticipare la concorrenza e garantirsi i calciatori più ambiti a livello internazionale.
Il Lecce ha in casa un gioiellino che, dopo due stagioni e mezzo da titolare inamovibile, si può considerare già maturo e pronto per il grande salto: Morten Hjulmand.

Il centrocampista danese, prelevato nel gennaio 2021 dall'ultima in classifica del campionato austriaco per 170mila euro, è in vetta alle classifiche della Serie A 2022-23 per palloni recuperati e intercettati.
È inevitabile l'interesse di grandi club, poiché si tratta di un classe 1999 con grandi margini di miglioramento.

A gennaio, i salentini hanno chiuso le porte, rifiutando un'offerta del Southampton da più di 13 milioni di euro. Chiaramente, in estate, gli scenari cambiano. Il Lecce rispetta la condivisibile volontà del capitano di fare il salto di qualità ed è pronto a registrare una plusvalenza monstre.

In questi giorni, due club si sono affacciati concretamente: il Borussia Dortmund ed il Milan.
Si tratta di società che disputeranno la Champions League e hanno delle necessità chiare, in quanto i tedeschi devono rinforzare il centrocampo dopo l'addio di Bellingham, mentre i rossoneri dovranno fare a meno dell'infortunato Bennacer per qualche mese.

Ci sono i presupposti, dunque, per un'asta.
Il Lecce valuta il calciatore intorno ai 20 milioni di euro e non si siederà al tavolo per meno di 15 milioni, base di partenza minima. È chiaro che se ci dovesse essere bagarre, la richiesta potrebbe ulteriormente aumentare. I salentini stanno a guardare e attendono le mosse delle pretendenti.
Allo stato attuale, il Milan è leggermente in vantaggio. 
I salentini hanno chiuso da poco l'operazione Colombo col club italiano, che porterà nelle casse una plusvalenza di poco inferiore ai 2 milioni di euro.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"