header logo

Svolta in Serie A. Oggi, infatti, come riportato da Calcio&Finanza, il consiglio federale della FIGC ha dato il via libera alla possibilità, per le società della Serie A, di tesserare due nuovi calciatori extracomunitari sempre nel numero delle quote già stabilite dal Coni.

Le dichiarazioni di Gabriele Gravina 

Il presidente federale Gabriele Gravina ha parlato così di questa novità: 

Abbiamo smussato gli ultimi angoli e approvato questa norma attesa da tantissimi anni. È un successo che noi riteniamo di condividere ma che deve essere ascritto in maniera decisa alla disponibilità dell’Aic. Il numero resta quello, è solo una sostituzione. Non c’è nessun aumento nel numero degli extracomunitari

Serie A

Le parole di Lorenzo Casini sul tema

Questo, invece, il commento a caldo di Lorenzo Casini, presidente della Lega Serie A: 

L’Italia è tra i paesi con norme più restrittive sul tesseramento degli extracomunitari, continuiamo a resistere ma il confronto non è più a livello nazionale, arrivano da più parti richieste di essere sempre più equiparati al mondo internazionale. 

Erano oltre dieci anni che non veniva accolta una richiesta, che era quella di adeguare il numero di extracomunitari che possono arrivare ogni anno e che è quello che succede negli altri Paesi. Ora saranno due senza vincolo di sostituzione. 

Come era prima di questa nuova svolta 

La precedente normativa, attuata fino all'ultimo mercato di gennaio, in ogni caso, prevedeva la possibilità per tutti i club del massimo campionato italiano di acquistare fino a 2 extracomunitari a patto che uno dei due venisse ceduto all’estero o diventasse comunitario o andasse via per la scadenza del contratto. Questa condizione, però, limitava parecchio le squadre di Serie A in tema di mercato e, dalla prossima stagione, non sarà più necessario cedere un elemento della propria rosa per far spazio ad un nuovo arrivo. 

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Giudice Sportivo: ammenda per il Lecce, un titolare entra in diffida