header logo

Pausa per gli impegni delle Nazionali e tempo di bilanci in Serie A. Trascorso quasi un terzo della stagione, quali sono fin qui le squadre più "buone" e quelle più "cattive". Le due milanesi, Inter e Milan, sono completamente agli antipodi. I nerazzurri sono la squadra più buona del campionato (16 cartellini gialli) mentre i rossoneri hanno collezionato 31 cartellini gialli e 4 cartellini rossi marchiandosi come la squadra più "cattiva" della serie A.

Una terna arbitrale
Arbitri prima del fischio d'inizio

E' il Lecce quanti cartellini ha collezionato?

E' un Lecce duro, concreto e che lotta fino alla fine quello visto in queste 12 giornate di campionato. Una squadra, quella giallorossa, che non tira mai la gamba indietro e combatte a testa bassa contro tutto e tutti. Ma quanti cartellini hanno collezionato i giallorossi in queste prime dodici partite?

Con i dati raccolti da FootData che gli uomini di Roberto D'Aversa hanno totalizzato 41 cartellini (media a partita di 3.4) così suddivisi: 39 gialli (media a partita di 3.3) e 2 rossi (media a partita di 0.2).

Se andiamo ad analizzare le ultime tre partite giocate i giallorossi hanno totalizzato 12 cartellini (media a partita di 4.0) così suddivisi: 12 gialli (media a partita di 4.0) e zero rossi.

Se andiamo ad analizzare le ultime cinque partite giocate i giallorossi hanno totalizzato 19 cartellini (media a partita di 3.8) così suddivisi: 19 gialli (media a partita di 3.8) e zero rossi.

Se andiamo ad analizzare le ultime dieci partite giocate i giallorossi hanno totalizzato 35 cartellini (media a partita di 3.5) così suddivisi: 33 gialli (media a partita di 3.3) e 2 rossi (media a partita di 0.2).

Ma quanti cartellini, invece, hanno subito i giallorossi nel corso di queste prime 12 partite? Se il dato per i cartellini fatti (ricevuti) è di 41 totali con media a partita di 3.4, quello dei cartellini subiti è di 44 con media a partita di 3.6.

 

Verona-Lecce, Live Reaction di Pianetalecce al Pipa di Muro Leccese
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita