header logo

Lecce e Genoa si sfideranno questo venerdì, allo stadio Via del Mare, per l’anticipo del quinto turno di campionato. 

Dopo il sofferto pareggio di Monza, i giallorossi proseguono la preparazione sotto gli ordini di mister D’Aversa per arrivare al meglio in vista della sfida contro il Grifone, provando a ottenere bottino pieno e guadagnare punti “pesanti” in ottica classifica. 

Come ci arrivano i liguri alla sfida contro il Lecce?

Dopo il secondo posto dello scorso anno, alle spalle del Frosinone, e il ritorno in massima serie dopo solo una stagione dall’ultima retrocessione, il Genoa di Alberto Gilardino è reduce dal pareggio contro i Campioni d’Italia del Napoli, davanti al proprio pubblico, nell’ultimo incontro di campionato. I rossoblù, in totale, hanno 4 punti in classifica, frutto dell’ultimo risultato utile e di una vittoria alla seconda giornata, in trasferta, sul campo della Lazio.

Mercato 

Nell’ultima sessione di mercato, il Genoa è stato molto attivo, portando in Liguria giocatori di elevata esperienza, utili per la categoria. Tra questi: Malinovsky, il quale torna in Serie A dopo l’esperienza con il Marsiglia in Ligue 1 e il passato “italiano” con la maglia dell’Atalanta; ma anche Messias Jr in prestito dal Milan, Thorsby, anche lui in prestito ma dall’Union Berlino e infine il pezzo “pregiato”: Matteo Retegui, prelevato dal Boca Junior per circa 12 milioni di euro. 

Retegui 

A proposito di Retegui, l’italo-argentino rappresenta sicuramente l’innesto che serviva alla formazione rossoblu per completare il proprio reparto offensivo, che dispone di valide alternative quali: lo stesso Malinovsky ma anche Guømundsson (che tanto bene ha fatto nell’ultimo campionato di Serie B) e lo stesso Puscas.

L’ultimo anno nel Tigre, in Argentina, Mateo Retegui, ha totalizzato 40 presenze, realizzando 22 gol e fornendo per i suoi compagni 4 assist. 

In maglia Azzurra, invece, ha esordito lo scorso 23 marzo nella gara contro l’Inghilterra valevole per le prossime qualificazioni agli Europei. Fino ad ora ha collezionato 4 presenze e 2 reti.

Dotato di rapidità e grande senso del gol (già 2 in questo avvio di stagione), rappresenta sicuramente il pericolo principale per la difesa salentina. 

Probabile formazione 

A poco meno di una settimana dall’inizio della sfida, è ancora prematuro riuscire a immaginare una probabile formazione. Sicuramente, salvo inconvenienti, Gilardino potrebbe confermare l’assetto tattico visto nella gara contro il Napoli, schierando per la porta Josep Martinez; in difesa De Winter, Bani, Drâgusin e Martin; a centrocampo Sabelli, Strootman, Badelj e Frendrup mentre in attacco il tandem composto da Retegui e Guømundsson. 

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"