Dubbio Wijnaldum, la Roma blocca momentaneamente Bove: gli scenari

Edoardo Bove, il primo vero nome della sessione invernale di calciomercato in orbita Lecce.
I salentini lavorano sul giovane centrocampista da diverse settimane e la trattativa non è passata sottotraccia. Corvino e Trinchera vogliono rinforzare quel reparto e nei piani c'è l'acquisizione di due calciatori, così nella lista dei desideri è finito il classe 2002.

La trattativa, avviata e proseguita con fiducia, ora vive una fase di stallo, come raccolto da Francesco Romano. Il problema non è tanto la formula del trasferimento, quanto le esigenze numeriche della Roma, che hanno messo in allerta soprattutto José Mourinho.
Il Lecce aveva raggiunto un'intesa di massima con i capitolini sulla formula (prestito con diritto di riscatto e controriscatto), tuttavia la trattativa è sempre rimasta aperta a causa dei dubbi del club proprietario del cartellino riguardo le condizioni fisiche di un compagno di Bove: Gini Wijnaldum.

L'infortunio dell'olandese ha influenzato notevolmente la stagione della Roma e lo special one, per sopperire alla sua assenza, soprattutto dal punto di vista numerico, ha buttato in campo Bove più volte nei finali di gara. E la situazione potrebbe restare invariata.

Wijnaldum è alle prese con la fase finale del recupero dalla frattura della tibia, ma una data per rivederlo in campo ancora non c'è: possono essere giorni, settimane o mesi.
La Roma, per questo motivo, si è cautelata: per ora Bove non parte.

Per gli amanti delle percentuali, in prospettiva potremmo parlare di un 51 (permanenza) - 49 (cessione).
La situazione, insomma, è in divenire. Di certo, al momento, il calciatore non si muove da Roma e la porta è socchiusa. Starà al duo Corvino-Trinchera decidere se attendere gli sviluppi sul fronte romano oppure virare su altri profili per rinforzare il centrocampo a disposizione di Baroni.

Bove-Lecce (per ora) non si fa: il calciomercato, però, è pazzo.