header logo

In un gruppo di tanti ragazzi giovani, molti dei quali alle primissime esperienze nel calcio che conta, avere al proprio fianco compagni con alle spalle anni e anni di esperienza e partite giocate ai massimi livelli non è cosa da poco. Il Lecce lo sa bene, disponendo all'interno della propria rosa di alcuni interpreti oramai ben navigati, da diverso tempo a questa parte, nel campionato di Serie A. Tra questi vi è uno in particolare che crediamo, e speriamo, possa contribuire in maniera determinante e decisiva in questo finale di stagione per raggiungere l'obiettivo della salvezza: Nicola Sansone.

Cosa ci aspettiamo da lui  

Nicola Sansone
Nicola Sansone

L'apporto di Sansone in questo rush finale di campionato è duplice e non riguarda solo le prestazioni sul rettangolo verde (che ovviamante dovranno fare la loro parte). L'esperienza ai massimi livelli nel calcio italiano è considerevole con 266 partite giocate, condite da 40 reti e 42 assist. Non è l'ultimo arrivato e nello spogliatoio dovrà avere un ruolo centrale. Nicola porta con sè un bagaglio di conoscenza e grande maturazione sul campo, di chi ne sa qualcosa giunti a questo punto della stagione, di chi può dire la sua all'interno del gruppo squadra. Quel consiglio al momento giusto, quella parola motivazionale saranno ben accette dai suoi compagni che potranno fare affidamento sulle qualità e la perizia del ragazzo.

La sua stagione con il Lecce

Nicola Sansone
Nicola Sansone

Passando, invece, all'aspetto numerico e di quanto prodotto quando chiamato in causa, Sansone ha realizzato fino ad ora una rete e due assist in 21 presenze con la maglia giallorossa, tra campionato e Coppa Italia. Nell'ultima gara contro la Salernitana, solo uno spezzone negli ultimi venti minuti in cui ha contribuito per raggiungere alla vittoria finale. Con l'infortunio di Banda, e la presenza contro la Roma in dubbio, Gotti avrà la sua bella gatta da pelare nella scelta dell'undici titolare e in particolare dell'interprete che ricoprirà il ruolo di esterno d'attacco vista l'ultima scelta, ripagata, di schierare Piccoli in quella posizione contro i granata. Nicola aspetta il suo momento, consapevole del suo potenziale e dell'apporto da poter dare ai suoi compagni in questo finale di stagione. Noi tutti lo aspettiamo e lui dovrà farsi trovare pronto per ritagliarsi uno spazio da assoluto protagonista.

 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Guillermo Giacomazzi: la prima volta (da avversari) non si scorda mai