header logo

Yvan Le Mee, agente di Hamza Rafia, ha parlato ai microfoni di Sportitalia del primo anno in Serie A del calciatore del Lecce e del suo futuro.

Prima stagione nel Lecce

Si è ritagliato il suo posto in Serie A. Parliamo di una società che magari non prende giocatori dal lungo curriculum, si assume rischi che altre società in Italia non hanno il coraggio di addossarsi. Trinchera e Corvino hanno avuto lungimiranza e decisione nel puntare su di lui senza badare ad altro che alle sue capacità.

Presenza fissa nella Tunisia

Giocare con la Tunisia gli conferisce grande fiducia. Lì gioca prevalentemente mezz’ala o come “10”. Contro la Croazia in amichevole (finita 0 a 0 e poi vinta dalla Croazia ai rigori) Hamza ha giocato alla grande come trequartista, dietro la punta, lui nasce in quel ruolo. Un aneddoto racconta bene la sua prestazione. A fine partita un certo Luka Modric è andato dritto da lui per complimentarsi e per chiedergli di scambiare le maglie. Può non vuol dire niente, certo, ma ad Hamza ha fatto piacere vedere che un idolo come il croato fosse rimasto impressionato positivamente dalla sua partita, tanto da chiedergli la maglia.

Hamza Rafia

In mediana con Gotti

Con Zeman a Pescara ha fatto sia il play davanti alla difesa, che la mezz’ala sia destra che sinistra, ma giocare a 2 gli mancava. Si è trovato bene, ha formato davvero una bella coppia con Blin, un giocatore che dà grande equilibrio tatticamente. Sicuramente per Hamza ci sono più limitazioni dal punto di vista offensivo: non può spingersi in avanti come farebbe da trequartista, ma penso che riesca a dare il suo contributo in altri modi.

Il suo futuro

Abbiamo tempo per tutte queste cose. Oggi la società è contenta ed orgogliosa di lui, a partire da Trinchera, Corvino e penso anche il Presidente. Il ragazzo si trova davvero molto, molto bene a Lecce, in Puglia. Ha trovato un club che è come una famiglia, poi ha avuto anche un figlio da sua moglie, con cui vive a Lecce. E’ alla sua prima stagione completa in Serie A, sta bene. Poi il mercato è il mercato. Poche società, qualora arrivi una vera offerta, dicono di no a prescindere, forse 4 o 5 in Europa possono permetterselo. Dunque se arriverà qualcosa vedremo, come vale per tutti. Certo, per quanto riguarda noi, l’obiettivo è di fare bene con il Lecce, facendo una seconda, grande stagione in giallorosso. Intanto festeggiamo questa salvezza, tutti insieme.

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Chavanon (agente Oudin): “Sorpreso dal poco impiego lo scorso anno: ora non viene più tolto”