header logo

Gabriel Strefezza, ospite dell'ultima puntata di PL Night, ha raccontato il percorso di crescita del Lecce, che è passato anche dalle sconfitte. I giallorossi non vincono dal successo casalingo contro il Genoa risalente allo scorso settembre, tuttavia hanno lanciato dei chiari segnali, soprattutto nelle ultime due partite.

In casa della Roma i minuti di recupero hanno tolto un grande successo agli ospiti, protagonisti di una prestazione superlativa nei 90 minuti. Passati in vantaggio col Almqvist, sono stati recuperati dopo il novantesimo da Azmoun e Lukaku e, purtroppo, hanno sciupato l'occasione per raddoppiare e chiudere il discorso.

Proprio Strefezza, dopo aver recuperato con astuzia il pallone al vertice dell'area di rigore, ha sfiorato la rete, calciando ad incrociare. La sfera è terminata di poco al lato. Nell'area piccola era presente Piccoli, al limite del fuorigioco. Il capitano brasiliano ha raccontato quegli attimi.

Gabriel Strefezza

Strefezza ed il mancato passaggio a Piccoli

“Quando ho preso la palla, mi sono girato e avevo in testa il tiro in porta. Ero defilato ma avevo il portiere in porta. Ero così convinto di poter fare gol che ero con la testa bassa, così mi sono spostato il pallone dal sinistro al destro per tirare in diagonale. Se avessi avuto la testa alta lo avrei visto. Dopo la partita ho visto che era in fuorigioco… Peccato, ma ero convinto di poter fare gol”.

Uno dei protagonisti in positivo di Roma-Lecce è stato Wladimiro Falcone. Il portiere del Lecce ha parato un rigore a Romelu Lukaku dopo pochissimi minuti, siglando un record: il bomber belga non aveva mai sbagliato un penalty in Serie A.

Falcone para il rigore a Lukaku

Al termine della gara, nonostante la sconfitta, José Mourinho ha stretto la mano all'estremo difensore, complimentandosi per le sue prestazioni. L'ex Samp si sta confermando in questa stagione e spera di tornare nel giro della Nazionale.

Nella passata stagione aveva convinto Mancini, mentre ancora non rientra nei radar di Spalletti che in tempi recenti ha convocato Donnarumma, Vicario, Provedel, Meret e Carnesecchi. Secondo Strefezza, il portiere del Lecce merita di tornare nel giro.

Falcone merita la Nazionale: il pensiero di Strefezza

“Secondo me meriterebbe di stare nel giro della Nazionale. Quello che sta facendo non è facile, per me si merita una chiamata. Allo stesso tempo c'è da dire che in Italia ci sono tanti portieri forti, quindi c'è da aspettare, fare bene e attendere il proprio momento”.

Verona-Lecce, Live Reaction di Pianetalecce al Pipa di Muro Leccese
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita