header logo

Come ha fatto il nome di Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce ma anche professionista e noto uomo di legge del panorama italiano, ad essere legato alla vicenda scommesse che sta investendo il calcio nostrano in queste ore? 

Alla domanda che tanti tifosi del Lecce si stanno ponendo in queste ore rispondiamo spiegandovi la situazione per intero. La fonte zero che ha lanciato sui social le iniziali che corrispondono al numero 1 del Lecce è tal Luca Cerchione, famoso influencer grazie ad un nutrito numero di seguito su Twitter ed Instagram.

Nella chat del suo canale broadcast, Cerchione ha scritto le iniziali dei personaggi coinvolti nella vicenda del momento, legata al calcio ed alle scommesse. 

La chat di Luca Cerchione

A quanto pare, in questa chat, Luca Cerchione ha scritto in maiuscolo anche “SSD”, ovvero delle iniziali che lasciavano intendere l’interessamento di Saverio Sticchi Damiani alla vicenda. Quando il nome del presidente del Lecce ha iniziato a circolare, però, Cerchione ha subito smentito l’associazione del nome del presidente alle iniziali da lui pubblicate, mettendo poi in bella mostra la denuncia che ha sporto all’autorità competenti nei confronti di chi lo citava come fonte di quella notizia. 

la chat di Luca Cerchione

Ovviamente anche Cerchione dovrà chiarire a chi si riferiscono quelle iniziali e perché le ha inserite in quella chat. In Italia, infatti, nel mondo del calcio, scrivere “SSD” vuol dire voler richiamare Saverio Sticchi Damiani, l’unico al quale appartiene quella sigla. 

Ecco, quindi, come delle invenzioni, delle fake news, delle totali calunnie, possano viaggiare nelle chat degli italiani, diventare virali ed insidiare pericolosamente la reputazione di persone, come in questo caso il presidente del Lecce, assolutamente estranee ai fatti. 

Saverio Sticchi Damiani ha già tranquillizzato ieri, attraverso i suoi canali social, tutto il popolo salentino. A dire il vero, chiunque conosca, anche solo di vista, il presidente del Lecce non ha mai avuto dubbi. Non si può, infatti, dubitare di un uomo che negli anni ha conquistato la fiducia della sua gente attraverso i fatti, con sacrifici ed investimenti propri, per il bene del club salentino.

La società giallorossa, quindi, non vede l’ora che il Lecce ritorni in campo ad Udine, per pensare solo al campo ed al calcio giocato, lasciando gli scandali fuori dalla propria.

LEGGI ANCHE: L'avvocato di Luca Cerchione ci diffida. La nostra risposta

 

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"