SUL MERCATO

Corvino: "Cassandro? Non confermo e non smentisco. C'è un mese di tempo per valutare"

Scritto da Filippo Verri  | 

Pantaleo Corvino ha parlato ai microfoni di Telerama.
Il responsabile dell'area tecnica ha commentato il primo acquisto della sessione invernale, Maleh dalla Fiorentina. Ha inoltre risposto ad ulteriori domande sul mercato in entrata ed in uscita.
Oggetto della discussione Tommaso Cassandro, terzino destro del Cittadella, accostato al Lecce nelle scorse ore.

MALEH E MERCATO
“Inserire un tassello in un reparto dove si gioca in tre titolari ma hai bisogno di altri che si giochino il posto era importante. Questo mercato ci ha concesso di intervenire tempestivamente, che è insolito a gennaio. Acquisti terminati? Adesso c'è un mese di mercato. Ogni mercato ti può servire anche per migliorare il magazziniere. Una squadra ha 25-26-27 giocatori, poi c'è anche chi supporta i giocatori. Dove c'è da migliorare tutto può servire”.

IN USCITA E NON SOLO
"Oltre ad una metodica di lavoro abbiamo una strategia di programmazione. Siamo una rosa composta in una sola sessione di mercato. Con l'arrivo di Maleh crediamo di migliorare. Sicuramente la squadra è ancora migliorabile. Dobbiamo tenere conto di tutto. Se va via uno deve arrivarne un altro.
Crediamo che questa squadra non si possa alterare, ha i suoi equilibri. Se va via uno che vuole giocare dobbiamo intervenire. Non abbiamo esuberi, siamo una rosa di 26 calciatori".

TERZINO
“Cassandro? È un periodo dove escono nomi. Ogni volta che esce un nome io non lo confermo e non solo smentisco. Dobbiamo fare aggiustamenti. Abbiamo il nostro titolare ovvero Gendrey. Se Gendrey ha un raffreddore sappiamo di avere comunque Baschirotto perchè centralmente siam coperti. Abbiamo un mese di tempo. Come terzini dobbiamo averne due per ruolo. Siamo partiti per averli con Baschirotto e Gendrey. Quando Baschirotto viene usato centrale c'è Gendrey. Abbiamo tempo per valutare se ci sono occasioni sul mercato, non c'è fretta".

Seguici su Twitch per non perdere le nostre dirette
Novità in Serie A: stop a "rigorini" e perdite di tempo