header logo

Il Lecce di mister Gotti è ad un passo dalla seconda salvezza consecutiva in Serie A, dopo quella ottenuta lo scorso anno con l'allora tecnico Marco Baroni in panchina. Per tutto il Salento si tratterebbe di un traguardo importantissimo, a dimostrazione di quanto il duro lavoro dell'intera dirigenza salentina stia finalmente maturando i propri frutti. 

La permanenza nel massimo campionato italiano sarebbe il giusto, e meritato, premio di un percorso di crescita e sacrificio iniziato qualche tempo fa quando la squadra si trovava ancora a lottare tra le sabbie mobili dell'infernale Serie C. 

Il prossimo avversario

Ramadani contro l'Udinese

Per tagliare il traguardo, però, servirà raggiungere l'aritmetica dei punti che in realtà potrebbe addirittura arrivare ancor prima che in giallorossi scendano in campo lunedì sera, in relazione ad alcuni risultati delle dirette rivali che giocheranno tra venerdì e sabato pomeriggio. 

Ma il Lecce è padrone del proprio destino e, senza lasciarsi troppo condizionare dalle vicissitudini altrui, sarà giusto quanto doveroso concentrarsi unicamente sul prossimo avversario che di sicuro non verrà nel Salento per passeggiare o godersi l'aria di mare. 

L'Udinese di Fabio Cannavaro è reduce da una stagione complicatissima, occupando attualmente il terzultimo posto della classifica. Di sicuro non il finale di campionato che la compagine friulana si sarebbe immaginata di vivere all'inizio della stagione ma con il quale dovrà fare i conti per non compromettere una permanenza in massima serie più che longeva e duratura; contro i giallorossi inizierà un trittico di partite, fino alla fine del torneo, che la vedrà opporsi con squadre in lotta per gli stessi obiettivi (Empoli e Frosinone) e contro le quali dovrà vendere cara la pelle se vorrà cambiare il proprio destino. 

L'ultimo successo in campionato, risale allo scorso 11 marzo in casa della Lazio; i giallorossi, pertanto, dovranno prestare la massima attenzione contro un avversario quasi all'ultima spiaggia in questo torneo oramai giunto alle battute finali.

Cannavaro l'ultima speranza 

Da poco meno di un mese, alla guida dei bianconeri, si trova Fabio Cannavaro, considerata davvero l'ultima speranza per i friulani in questo insidioso finale di campionato. Il tecnico campano ha collezionato fino ad ora tre presenze, subentrando all'esonerato Gabriele Cioffi. Con lui al comando, la squadra ha ottenuto due soli punti, perdendo la prima sfida contro la Roma (subendo il gol della sconfitta nei minuti finali) e pareggiando le successive con Bologna e Napoli. 

Attorno all'ex difensore di Napoli e Juventus ruotano le ultime speranze di salvezza dell'Udinese, puntando di fatto su un giovane allenatore in cerca di riscatto dopo l'ultima, deludente esperienza in panchina. Sarà d'obbligo provarci, a partire da lunedì sera, in un Via del Mare, però, gremito di gente e con zero intenzione che qualcuno gli rovini la festa finale. 

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Via del Mare: Sticchi Damiani ha incontrato Ferrarese, le ultime sulla copertura