header logo

Daniel Samek è alla sua seconda stagione nel Lecce, dopo essere stato acquistato dallo Slavia Praga per oltre un milione di euro. Il costo del cartellino ha notevolmente aumentato le aspettative sul ragazzo, che non è tra i 5 selezionati da mister D'Aversa per compiere il grande salto in Serie A.

Il centrocampista 2004, dunque, è rimasto agli ordini di mister Coppitelli e sarà uno dei leader in questa stagione. In tanti si aspettavano qualcosa di più da Samek, che non essendo un centrocampista offensivo è anche difficilmente valutabile dando un semplice sguardo a gol e assist.

Si tratta di un centrocampista con caratteristiche difensive ma soprattutto geometrie, che nella passata stagione ha affiancato sulla linea mediana il compagno Vulturar, guardando le spalle a Berisha, che agiva più da trequartista.

Abbiamo chiesto a Federico Coppitelli un parere sull'ex Slavia Praga; il mister ha analizzato sia la collocazione tattica di Samek sia le possibili prospettive future del ragazzo. Ecco un'estratto della nostra intervista andata in onda sul canale Twitch di PianetaLecce ieri pomeriggio alle 18:

“È un ragazzo che ha fatto un percorso particolare. Giocava già in prima squadra e questo di per sé crea una situazione non semplice mentalmente. Lo scorso anno ha fatto un gran campionato. Dall'esterno poteva sembrare non determinante, ma ho rivisto qualche partita e vi assicuro che era l'unico ragazzo capace di dare i ritmi in un certo modo. 

Gestiva la palla con personalità. Probabilmente fa parte di quella schiera di ragazzi che deve capire la sua parte nella squadra. Non ho dubbi, è un ragazzo molto intelligente e si ritroverà. Solo attraverso le prestazioni può raggiungere la prima squadra. Se farà i passi che la società si aspetta avrà tutte le chance del mondo, chiaramente deve fare qualcosa in più”.

Lecce-Napoli, dove vedere la partita in tv e in streaming: gli orari e le probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"